Court sentences MA journalist Sayılğan to 4 years’ imprisonment

Court sentences MA journalist Sayılğan to 4 years’ imprisonment

Mezopotamya Agency journalist Idris Sayılğan was sentenced to 4 years in prison. The verdict hearing was held at the 2nd High Criminal Court in Muş.

The journalist faced charges of “making propaganda for an illegal organization.”

Journalist Sayılğan did not attend the hearing, while his lawyer Erselan Aktan attended the hearing via Audio and Video Information System (SEGBİS) from Istanbul Courthouse in Çağlayan.

Announcing the verdict at the end of the hearing, the court board sentenced Sayılğan to 4 years in prison on the charge of “making propaganda for a terrorist organization”.


Tags assigned to this article:
CourtKurdistanprisonRojavaSliderTurkey

Related Articles

MODELLO TURCO

Talkingpeace.Trentacinque corpi avvolti in coperte di lana, disposti uno accanto all’altro su un sentiero di montagna bianco di neve. Sono le ultime vittime della guerra della Turchia contro i kurdi. Una guerra dimenticata dall’occidente, troppo interessato a dipingere la Turchia come “modello”.

Mercoledì notte F-16 dell’aviazione turca e droni senza pilota (l’ultimo acquisto delle forze armate di Ankara) hanno bombardato i pressi di un villaggio chiamato Roboski (Ortasu in turco) al confine con l’Iraq. Raccontano i testimoni di aver sentito un odore acre di bruciato, di carne bruciata. Gli abitanti di Roboski sono accorsi subito sul luogo, nonostante la neve. Sicuri di quello che avrebbero trovato. Di fronte a loro i corpi mutilati di decine di giovani e uomini, animali sventrati. Racconta al telefono un giornalista kurdo dell’agenzia DIHA di aver sentito un urlo squarciare il silenzio tetro di quella visione: una mamma disperata in cerca dei suoi due figli. Morti entrambi in quel bombardamento. Quel giornalista è uno dei pochi scampati al carcere nell’ultima offensiva delle autorità turche che hanno, in 24 ore, arrestato 49 giornalisti kurdi e di sinistra. Scomodi testimoni della guerra sporca condotta contro i kurdi sia con le armi che con il carcere e la repressione. Scomodi testimoni anche di quest’ultimo massacro.

Le foto dei corpi avvolti nelle coperte delle vittime di Roboski stanno facendo – lentamente – il giro del mondo. E intanto si cominciano a conoscere le biografie di questi uomini che le forze armate turche hanno “scambiato per terroristi”.

Report: Era of armed struggle over, PKK chief says amidst peace talks

  In this June 29, 1999 file photo, Kurdistan Workers’ Party leader Abdullah Öcalan (R) stands next to a Turkish

Demirta?: ashamed to be a human being as I listened to PM speech

PM had accused the BDP of exploiting the death of 35 people in the village of Roboski BDP (Peace and

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment