KURDISH, Armenian, and Christian groups have warned that legislation signed as one of the last acts of the outgoing Trump administration gives Turkey the green light to continue “cultural genocide” against the country’s minorities.

KURDISH, Armenian, and Christian groups have warned that legislation signed as one of the last acts of the outgoing Trump administration gives Turkey the green light to continue “cultural genocide” against the country’s minorities.

In what has been described as a disastrous last minute move, the US signed a bilateral US-Turkey Memorandum of Understanding (MoU) granting Turkey legal rights over the religious and cultural heritage of all indigenous people and minorities.

What appears on face value to be an innocuous agreement between the two nations, it in fact enables Ankara to carry out the wholescale destruction of the cultural heritage of Armenians, Greeks, Assyrians, Chaldeans, Syriacs, Arameans, Maronites, Jews and Kurds.

It comes a year after a request made by the Turkish government to introduce a Cultural Property Agreement which aims at preventing imports of virtually all art originating in their territory, spanning all periods in history from the prehistoric up to the modern era.

The final text of the MoU has not yet been made public. But In effect it makes Turkey the legal owner of the rich and diverse cultural heritage of the country’s minorities, which has led to warnings that it will lead to an intensification of cultural genocide by the Turkish state.

“Turkey wants a complete destruction of the Kurdish heritage by all means,” Kurdistan National Congress (KNK) spokesman Osman Ismail told ANF.

He warned that the MoU makes Turkey the legal owner of Kurdish sites and will enable it to destroy them with impunity.

“The gifting of legal rights to claim vast religious and cultural heritage of the region’s indigenous peoples and minorities by the Trump administration to Turkey is devastating and disastrous for all the minorities, especially the Kurds.

“We have seen over the years the continuous destruction of heritage sites by Turkey. This was when Turkey even did not have the legal rights on the sites,” he said, warning that the change in status would legalise the eradication of Kurdish culture and history.

Turkey has frequently politicised attacks on Kurdish memorials, statues and other parts of its historical memory. This intensified most notably during military operations in the largely Kurdish city of Diyarbakir in 2015, following a breakdown in peace talks between the government and the Kurdistan Workers Party (PKK).

Whole swathes of the city’s history including  Roman-era basalt walls encircling historic houses, churches, synagogues and mosque was destroyed just weeks after it was listed as a UNESCO World Heritage site in July 2015.

The attacks and subsequent silence from UNESCO and other world bodies led to the resignation of Turkey’s ambassador to the cultural agency, renowned author, filmmaker and composer Zulfu Livaneli who warned of “the destruction of history.”

Some 90 percent of Sur’s historical buildings were bulldozed as an act of revenge for the Kurdish resistance and as a warning ahead of elections that were contested by the Peoples’ Democratic Party (HDP) for the first time.

“The Kurdish regions, especially in Diyarbakir, stretches back millennia, with traces of dozens of civilisations and a much-lauded legacy of pluralism. Jews, Muslims and Christians, Persians, Arabs, Armenians and Turks have all made their mark in the Kurdish region.

“Yet, Turkey’s military moves in with tanks, urban assault vehicles and waves of troops to root out the young Kurdish people without any disregard for the destruction to the heritage sites,” Mr  Ismailexplained.

More recently the Turkish state submerged the ancient city of Hasankeyf destroying more than 12,000 years of history to make way for the controversial Ilisu Dam project.

Hasankeyf has been described as “a unique natural open-air museum of uninterrupted human settlement embedded in the Tigris Valley, with traces of 20 cultures who have woven its history.”

Its flooding displaced some 100,000 mainly Kurdish people from the city and around 200 surrounding villages. The signing of the MoU will make it easier for Turkey to conduct similar acts of cultural vandalism.

Armenian National Committee of America (Anca) President Aram Hamparyan described the MoU as “a reckless and irresponsible move” which ignored the warnings of the diaspora groups representing Turkey’s minority communities.

The Trump-administration is “well aware that Turkey has openly, unapologetically, and systematically spent the past two centuries destroying minorities, desecrating their holy sites, and erasing even their memory from the landscape of their ancient, indigenous homelands,” he said.

In Defense of Christians President Toufic Baaklin warned that the MoU amounted to “the shameful stamp of American approval on the destruction of Christian cultural heritage in Turkey.”

Dr. Elizabeth Prodromou, who served on the US Commission on International Religious Freedom from 2004-2012 described it as “a surreal moment” warning that “well-documented and extensive evidence by cultural heritage experts leaves no doubt that the state of Turkey is the single greatest threat to that country’s cultural heritage.”

She said that the agreement enables Turkey to weaponise cultural heritage policy which she said has been used for a century “as a cudgel to erase the country’s vulnerable religious minorities, including Greek, Armenian, and Assyrian Christians, and Jews.”

But diaspora communities in America are hoping they can work with the new administration of President Joe Biden to ensure that Turkey does not hide behind the MoU in order to commit “memoricide” against its minority communities.”

Whether this will prove successful remains to be seen with incoming Secretary of State Antony Blinken sayng this week that Turkey remains a key strategic partner for the US.



Related Articles

LUCIO UTURBIA.MURATORE DELL’ANARCHIA (VIDEO)

Gara  Muratore pensionato. Da bambino perse tutto il rispetto per l’autorità. La sua vita è un susseguirsi di contrabbando, rapine, militanza clandestina, rifugio a perseguitati e falsificazione di denaro e di documenti per aiutare cause rivoluzionarie. Pianificò affondare gli Stati Uniti. Organizzò una truffa miliardaria ad una delle principali banche del mondo. Era ricercato da polizie di diversi paesi ed ha conosciuto il carcere. E’ anarchico. Rivendica la responsabilità delle persone. Si definisce ricco, lo definiscono irriducibile.

 

Nella foto: Lucio Iturbia (a sinistra) con lo scrittore Iñaki Egaña

Testo di Fermin Munarriz

 Lei ha 79 anni per nelle sue conferenze le sale sono piene di giovani

Si, perché le idee che porto sono necessarie e alla gente piace quanto dico. E’ facile cambiare il governo, però sappiamo disgraziatamente dove ci porta. La soluzione non viene dai governi, verrà dai noi stessi, se saremo responsabili, senza credere ne in chiese, in partiti o in governi…

Ci troviamo in una grave crisi: cresce la disoccupazione, il capitalismo diventa sempre più selvaggio, però la classe operaia sembra che contempli la situazione…Cosa sta succedendo?

Abbiamo molti più mezzi di una volta, abbiamo anche più libertà però dobbiamo insistere su questa idea necessaria che è la responsabilità. Per me, è perdere il rispetto a ciò che si deve perdere. Bisogna perdere il rispetto a questi capoccia imbecilli che quanto più hanno più vogliono, che non sanno fare altro che accumulare mezzi economici ma che poi non sanno utilizzarli.

Per quale ragione un giovane di oggi dovrebbe impegnarsi in una lotta contro il sistema?

Perché è necessario. La vita non è solo pane. L’essere umano è ciò che è per quello che fa. E la gente giovane deve sapere che non si tratta solo di lavorare, si tratta anche di vivere, di condividere, di creare.

Com’era lei da bambino?

Da bambino ero un rivoltoso e mi davano multe da cinque pesetas. Mia madre non poteva pagarla ed allora mi portavano castigato a piantare alberi o in carcere a Tudela. Questa fu la mia fortuna perché non dovetti fare nessun sforzo per perdere il rispetto a tutto quanto era stabilito. Per questo noi poveri abbiamo una ricchezza se sappiamo utilizzarla. Abbiamo il diritto di perdere il rispetto a questa società idiota. E non sono contro la ricchezza e l’intelligenza, sono contro il mal ultilizzo.

Fin dall’adolescenza ha conosciuto celle, caserme, carceri. Ricorda quante volte è stato arrestato o detenuto?

Mah, quando ero giovincello ho fatto….il carcere di Cascante, che era un fienile, quello di Tudela, che già era un carcere di professionisti, quello di Bera de Bidasoa e quello di Pamplona. Poi in Francia, sono stato anche qui in altre quattro o cinque carceri, però per me questo è stata un ricchezza. Se io dovessi iniziare nuovamente la mia vita rifarei le stesse cose.

Come fu il primo contattato con l’anarchismo

Il mio primo contattato fu in Francia, quando ci arrivai come disertore. Però già allora avevo avuto una piccola esperienza: A Valcarlos io avevo lavorato nel contrabbando. Ed io dico che tutti i contrabbandieri erano anarchici perché era gente che aveva perduto il rispetto all’autorità: la Guardia Civil ci vigilava per anche noi li vigilavamo per poter contrabbandare….

Ed a Parigi iniziò la vita militante nell’anarchismo..

All’inizio facevamo espropri (assalti a banche a mano armata) perché non c’era altro rimedio. Noi non abbiamo avuto ne ministri, ne deputati, ne industriali che ci abbiano aiutato. Noi anarchici facevamo gli espropri come potevamo, però io non considero un eroe quello che prende un mitra, come facevo io, incoscientemente. Puntavi il mitra ad un impiegato di una banca perché ti desse il denaro, d’accordo, però per me non era eroismo, è che non si poteva a fare in altro modo. Quando scoprimmo che potevamo fare altre cose attraverso le falsificazioni, tirai un sospiro perché io non ho ucciso nessuno però potevo essere morto o potevo uccidermi. Era pericoloso.

Che cos’è l’eroismo per lei oggi?

Per me, l’eroismo è non essere d’accordo con questa società di capoccia imbecilli, che non meritano nessun rispetto, perché bisogna essere degli imbecilli per avere i mezzi che hanno e non sapere utilizzarli. Avete visto come l’Europa trema dopo i fatti della Grecia perché non c’altro rimedio in questa società, in certi momenti, che perdere il rispetto ed anche utilizzare la violenza. Disgraziatamente non c’è altro rimedio che utilizzarla. Il timore alla Grecia è dovuto a questi gruppi di anarchici; no serve essere milioni. Tremano perché la società è molto fragile.

Kurdish deputy’s lawyers appeal YSK ban at Constitutional Court

TODAYSZAMAN.COM Protestors carry a huge picture of independent candidate Hatip Dicle during a rally, protesting the decision of the Supreme

Cuentas Claras – “Con lo que tenemos’ – Rap da Cuba

I Cuentas Claras sono tre ragazzotti trentenni. El Dano, El Temba e Carlitos. Hanno tutti esperienze musicali precedenti al rap:

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment