Hunger strikes against isolation continue on day 55

Hunger strikes against isolation continue on day 55

The hunger strike launched on 27 November by prisoners to demand the end to the isolation imposed upon Kurdish people’s leader Abdullah Öcalan and the violations in prisons continues on its 55th day.

The hunger strike launched on 27 November by prisoners to demand the end to the isolation imposed upon Kurdish people’s leader Abdullah Öcalan and the violations in prisons continues on its 55th day.

PKK and PAJK prisoners have launched a hunger strike on 27 November to demand the end of the isolation of Kurdish people’s leader Abdullah Öcalan and the violations in prisons.

The indefinite-alternating hunger strike has reached its 55th day and it’s being carried out by the 11th group of prisoners. Each group carries out the hunger strike for 5 days.

Source: ANF https://anfenglish.com/human-rights/x-49446



Related Articles

SINISTRA INDIPENDENTISTA: PRIMI APPOGGI INTERNAZIONALI

L’avvocato sudafricano e mediatore in diversi conflitti politici internazionali, Bryan Currin, ha definito importantissima l’assunzione “unilaterale ed incondizionata” dei principi

ETXEBARRIA: IL CAMBIO POLITICO E SOCIALE E’ POSSIBILE

Talkingpeace intervista Rufi Etxebarria. Esponente storico della sinistra indipendentista basca, Etxebarria fu tra  i promotori del Foro d’Irlanda che apri la strada all’Accordo di Lizzara Garazi (1998). E’ stato tra gli interlocutori degli ultimi negoziati (2005-2007). Per la sua attività politica è stato arrestato in diverse occasioni. Il giudice Garzon lo incluse, in primo momento, nell’inchiesta che portò all’ arresto dei dirigenti della sinistra indipendentista basca nell’ottobre scorso, con l’accusa di aver elaborato la proposta politica per una soluzione del conflitto basco spagnolo attraverso vie unicamente “politiche e democratiche”. La sua posizione venne poi stralciata. Etxebarria ha passato due anni in carcere dal 2007 al 2009 con l’accusa di essere dirigente della disciolta Batasuna.
Nel dibattito realizzato dalla sinistra indipendentista basca emergono due necessita: aprire nuovi spazi per costruire un processo democratico e anche riflettere sulla necessità di un cambio nella strategia della sinistra indipendentista. Pensate che sia principalmente la sinistra indipendentista che deve dare un impulso determinate per un cambiamento della situazione politica?
Se valutiamo la lotta portata avanti dalla sinistra indipendentista in questi ultimi trenta anni, potremmo trarre due conclusioni principali. Da un lato, abbiamo conseguito logorare gli ambiti politici autonomisti imposti dopo la riforma del regime con la morte di Franco ed abbiamo evitato che Euskal Herria venisse diluita nella “Spagna delle Autonomie”. Però d’altro canto, non siamo riusciti a superare la barriera che ci permetta costruire un nuovo ambito politico democratico che riconosca la territorialità di Euskal Herria ed il suo diritto a decidere sul suo futuro in modo libero. Durante questo processo di dibattito abbiamo discusso su quale deve essere la strategia da sviluppare della sinistra indipendentista per raggiungere l’obiettivo di questa fase politica, che noi denominiamo come “fase del cambio”.

GERGER: MANO USA NELLA “TURCHIA SECONDO ERDOGAN”

Ankara. Haluk Gerger è docente di scienze politiche e scrittore. Lo incontriamo al termine del summit dello YAS (il consiglio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment