BOMBARDAMENTI TURCHI, ATTACCO PKK, LA GUERRA CONTINUA

Aerei turchi stanno bombardando da questa mattina le basi del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) nelle montagne del Nord dell’Iraq in risposta agli attacchi simultanei contro obiettivi militari compiuti dai guerriglieri. Negli attacchi sono morti tra i 22 e i 26 soldati mentre almeno 18 sono rimasti feriti. Commando turchi sono penetrati per 3-4 chilometri nel Nord dell’Iraq alla ricerca dei responsabili dell’assalto, ingaggiando scontri a fuoco con gli insorti.

Gli attacchi hanno avuto luogo a Cukurca e Yuksekova, nella provincia turca di Hakkari. Diversi edifici militari sono stati colpiti. Fonti di polizia parlano di un “attacco coordinato e sincronizzato”.

Il premier turco Tayyip Erdogan ha cancellato la sua visita di Stato in Kazakistan. Anche il ministro degli Esteri Ahmet Davutoglu ha cancellato un viaggio previsto in Serbia ed il vicepremier Bulent Arinc, portavoce del governo, sta rientrando dalla Macedonia. Ad Ankara Erdogan ha convocato un vertice antiterrorismo.

Ieri, nella vicina provincia di Bitlis, in  un attentato con una mina anti-carro azionata a distanza avevano perso la vita otto persone, cinque poliziotti e tre civili. Dieci i feriti.

Il presidente della repubblica turca, Abdullah Gul, ha avvertito che sarà “grande” e “molteplice” la “vendetta” della Turchia nei confronti di “chi le ha dichiarato guerra”, sottolineando che il Pkk sarà sconfitto.  “Vedranno, prima o poi, che nessuno può ottenere nulla con la guerra contro lo Stato turco”, ha detto il presidente a margine di una conferenza a Istanbul.


Related Articles

OCALAN: AUTONOMIA DEMOCRATICA, RICONOSCIMENTO POLITICO

Nel suo incontro settimanale con gli avvocati, il leader del PKK, Abdullah Öcalan, ha affermato che la dichiarazione sulla “Autonomia

Arundhati Roy: ‘They are trying to keep me destabilised’

From The Guardian – The Booker prize-winning novelist on her political activism in India, why she no longer condemns violent

MIGLIAIA PER EUSKAL HERRIA NAZIONE

Convocata dalla Sinistra Indipendentista , Eusko Alkartasuna (EA) e Alternatiba una manifestazione di migliaia di persone è sfilata per le

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment