PAESE BASCO, L’IMMOBILISMO DI MADRID – Angelo Miotto

 

Peacereporter. La sinistra basca ha giocato sul tavolo una carta via l’altra in un disegno politico affidabile. Dalla Spagna solo parole e ancora nessun fatto

È stato un fine settimana dal sapore storico neil Paese basco. Le migliaia di persone che sono sfilate in appoggio ai condannati per il processo Bateragune, fra cui Arnaldo Otegi e Rafa Diez, ritenuti colpevoli per aver preparato la strada alla rivoluzione copernicana avvenuta nell’ultimo anno, in cui la sinistra basca ha offerto una via politica senza ingerenze esterne per la soluzione del conflitto. Niente più lotta armata, è la traduzione. Oltre al popolo solidale con i condannati, ci hanno pensato i prigionieri e le prigioniere politici baschi ad aggiungere una mossa a sorpresa: hanno aderito alla dichiarazione di Gernika, che disegna un percorso di smilitarizzazione e di verifica internazionale degli arsenali di Eta.

Una situazione ‘inedita’ hanno detto da Madrid, una svolta storica per dirla in parole semplici. Ione Gorizelaia, storica avvocata della sinistra basca, ha aggiunto, per fugare qualsiasi dubbio, che non c’è un prigioniero politico che non sia d’accordo con la decisione presa dal Collettivo. Fronte unito, nessuna crepa. Sul versante carcerario lo stato spagnolo non ha più carte da giocare.

Qui si sta giocando una partita strana, dove un giocatore ha messo in tavola fatti precisi e pubblici:

-c’è una proposta politica basata solo sulla politica e senza più tolleranza per la violenza,

-c’è la costituzione di un nuovo partito che obbedisce ai lacci e lacciuoli imposti dall Ley de partidos politicos, voluta da socialisti e popolari spagnoli per delegittimare e mettere fuorilegge numerose sigle elettorali. Sortu, il nuovo partito, è stato comunque illegalizzato. Ce l’ha fatta, invece, una colazione – Bildu – che nelle elezioni amministrative ha fatto il pieno dei voti.

– c’è un mediatore internazionale capo, come Brian Currin e un Gruppo di contatto internazionale, oltre a un parterre costituito da personalità riconosciute a livello globale nella mediazione dei conflitti che hanno firmato la dichiarazione di Bruxelles.

– c’è una tregua generale, indefinita, permanente e verifricabile dichiarata dall’organizzazione armata Eta, che da tempo ormai non solo non spara, ma non chiede nemmeno più il cosiddetto ‘impuesto revolucionario’ agli imprenditori.

– c’è il collettivo dei prigionieri politici – un collettivo di militanti di Eta e non – che aderisce a questa via di soluzione esclusivamente politica, lanciando un messaggio potente e cristallino.

Dall’altra parte c’è un giocatore che tiene le proprie carte coperte e che non riesce, anzi non vuole, elaborare una propria strategia. Semplicemente critica le mosse dell’avversario, chiedendogli di mettere sul tavolo l’ennesima carta in più, o addirittura esige che l’avversario si dia perdente senza nemmeno giocarsela.

Scorrendo le iniziative politiche che la sinistra basca e gran parte della società basca hanno onorato negli ultimi mesi risulta sempre più evidente l’inadeguatezza della risposta dal palazzo della Moncloa. José Luis Rodriguez Zapatero, pochi minuti dopo aver sciolto le camere in vista del voto anticipato del 20 novembre, ha definito come ‘un passo significativo verso la fine della violenza’ la decisione dei detenuti baschi di farsi parte integrante di un percorso di pace. La destra post-franchista, che oggi ha oltre sedici punti di vantaggio rispetto ai socialisti nei sondaggi, ha sminuito il passaggio dell’adesione dei detenuti politici al percorso esclusivamente politico.

È importante che l’opinione pubblica, non solo quella iberica, rifletta sulle dichiarazioni del mediatore Brian Currin, quando afferma che il problema poteva essere risolto già da tempo. Così come l’atteggiamento del candidato socialista Alfredo Perez Rubalcaba – già ministro degli Interni e poi vice-presidente – riflettono la cautela di chi sa che le parole oggi sono voti da conquistare o perdere. Strategia elettorale, che non ha mai portato a nulla di duraturo.

In attesa di conoscere se e come muoverà i propri pezzi Madrid, resta la consapevolezza che fare ‘la pace’ non è il risultato di politiche unilaterali. È una questione di responsabilità da assumersi. La sinistra basca ha dimostrato nei fatti la validità di un percorso senza dubbio faticoso. Da Madrid, per ora, solo parole.

 

Fonte: http://it.peacereporter.net/articolo/30677/Paesi+baschi%3A+l%27immobilismo+di+Madrid

 


Related Articles

IL PKK DICHIARA FINITA LA TREGUA IN VIGORE DA 13 MESI

La Confederazione Democratica del Kurdistan (organizzazione del PKK che raccoglie tutte le strutture del Partito dei Lavoratori del Kurdistan) ha

‘International Öcalan Freedom Campaign’ kicks off in South Africa

South Africa’s largest trade union confederation launched a joint campaign in support of jailed Kurdish people’s leader Abdullah Ocalan.

Arte dall’Iran alla Biennale Donna promossa dall’Udi

Arte Contemporanea dall’Iran e’ la mostra collettiva scelta per la XIV edizione della Biennale Donna, organizzata dall’UDI – Unione Donna

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment