RAPPRESAGLIA TURCA DOPO UCCISIONE 12 MILITARI

Firatnews. Almeno 15 aerei da guerra turchi, hanno bombardato le posizioni della guerriglia curda nel sud del Kurdistan Secondo fonti locali aerei da guerra turchi hanno iniziato a bombardare Kandil, Metin, e le aree di Zap e Xinere dove si troverebbero le basi del PKK (Kurdistan Workers’Party) guerriglieri.

Il bombardamento è iniziato alle 21:00 ora locale.

Non ci sono segnalazioni di vittime mortali ma abitanti delle zone colpite hanno detto che un certo numero di abitanti dei villaggi sono rimasti feriti nel villaggio di Zergele Kandil. Colpiti anche edifici sede di istituzioni pubbliche

Il raid è avvenuto dopo l’esplosione in mattinata a Hakkari che aveva provocato la morte di 11 militari turchi e di una guardia del villaggio.

Il primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan,  ha detto che chi ha eseguito questi attacchi dovrà “pagare un prezzo La nostra pazienza è ormai finita” aggiungendo che “ chi non compirà passi per distanziarsi dal terrorismo ne pagherà il prezzo”

Commentando l’uccisione di soldati e le voci di una operazione per contrastare il PKK dopo il Ramadam, Abdullah Gul, presidente turco ha negato la fine del digiuno islamico per attuare misure antiterrorismo.
“E ‘fuori discussione che le Autorità attendino la fine del Ramadan nella lotta contro il terrorismo. Gli sforzi antiterrorismo sono in corso in tutti gli ambiti. Non c’è debolezza di fronte al terrorismo. Ognuno dovrebbe sapere che non c’è altro potere al di sopra del potere dello Stato. Chi pensa che possa condizionare la Turchia  con il terrore, la violenza delle armi è fuorviato. Il prezzo da pagare per tutto questo sarà  molto pesante.

In realtà  le operazioni militari della turchi contro il movimento curdo non sono mai cessate. Non solo la guerra ma sono anche continui arresti di attivisti e politici curdi.

Fonte: http://en.firatnews.com/index.php?rupel=article&nuceID=2881


Related Articles

KURDI IN PIAZZA, UN FERITO

Migliaia di kurdi hanno marciato attraverso la città di Hakkari contro l’arresto di 11 persone ma sono stati attaccati dalla

OCALAN SCRIVE A MANDELA

Il leader kurdo Abdullah Ocalan ha inviato una lettera a Nelson Mandela. Ecco il testo: E’ la lotta che ha

ELEZIONI IN TURCHIA: PARLA IL CANDIDATO BDP KURKCU

Ertu?rul Kürkçü è uno dei candidati indipendenti sostenuti dal pro kurdo BDP (Partito della Pace e Democrazia) nel blocco denominato

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment