Venezuala: censura contro bolivariani 0

Nuova Colombia. Cristina González, Direttrice di “La Radio del Sur” (network di centinaia di radio sudamericane), giornalista e militante della causa bolivariana, è stata destituita dal suo incarico per non aver accettato la censura -ordinata dal ministro dell’Informazione venezuelano Andrés

Read More

La Policía carga en Barcelona 0

          Gara (VIDEO). Los Mossos d’Esquadra y la Guardia Urbana han cargado contra los acampados en la plaza Catalunya de Barcelona, tras instarles a que abandonaran el lugar temporalmente para que las brigadas limpien la zona

Read More

Una sinistra reale maggioranza relativa in un angolo d’Europa , ma non ditelo a nessuno! 0

 

Una  premessa. Il risultato elettorale di domenica 22 maggio nel Paese basco non è esistito, o quasi, sui mass media italiani. Offuscata dalla reminiscenze del “miracolo spagnolo” di alcuni anni fa, o del siamo “tutti Zapatero”, della sinistra nostrana, la realtà di oggi, ma che era anche quella di ieri, riporta a dover fare i conti con una situazione completamente diversa. Una crisi economica da paura, con il 21% di disoccupazione e Zapatero in caduta libera di consensi dopo  aver approvato un pacchetto di misure economiche che colpiscono i diritti dei lavoratori e sono approvate dai banchieri, Botin, presidente del Banco de Santander, il primis. E la sinistra indipendentista basca entra nel panorama istituzionale basco dalla porta grande, nonostante all’ultimo minuto utile, il Tribunale Costituzionale abbia legalizzato la sua presenza attraverso la formula Bildu.

Non è nuovo questo atteggiamento informativo. Negli anni della lotta armata di ETA, il pretesto “terrorista” ovviava  considerare e analizzare in profondità il movimento politico  della sinistra indipendentista che si faceva interprete di una sentire sociale e politico che andava oltre il consenso, di per se significativo, di Herri Batasuna, Euskal Herritarrok o Batasuna. Ciò che non si prendeva in considerazione, per esempio, era quanto sosteneva il poeta spagnolo José Bergamin, che decise di trascorrere gli ultimi anni della sua vita nel Paese basco, dove mori nel 1981, per il quale le province basche era l’unico luogo dove era rimasto vivo e dominante lo “spirito della repubblica” schiacciato dalla genocida regime di Francisco Franco. Un altro dato nascosto o peggio stigmatizzato dalla sinistra italica, era la natura “nazionalista” del movimento indipendentista basco, quando in realtà queste affermazioni trasudano una concezione “grande nazionalista”. Quella che considera, di fatto, i grandi stati nazione come referenti naturali,  quando la loro storia è macchiata dai più grandi crimini che l’umanità abbia conosciuto. Il movimento indipendentista basco si è consolidato come corrente ideologica e politica durante il franchismo con la nascita di ETA, rappresentando un riferimento per tutti quei movimenti che univano la rivendicazione/constatazione della propria esistenza culturale nazionale con la questione sociale e di classe. Un antidoto storicamente radicato che è l’unico veramente capace di fare fronte, sul terreno politico identitario e di classe,  alla canea regionalista xenofoba montante in Europa che si è diffusa anche grazie anche la vuoto politico e di analisi della sinistra “grande nazionalista”. Insomma il silenzio di oggi si basa su una mistificazione di ieri dove la spocchia della intelighentia di sinistra è stata speculare alla arroganza della destra economica e politica egemone ai nostri giorni.

Ci troviamo quindi con  una sinistra, nel cuore dell’ Europa, la cui proposta politica consiste nella centralità delle classi lavoratrici, nel domino della politica sulla economia, nella partecipazione diretta nella vita politica e sociale dei cittadini e cittadine, nella solidarietà interna ed esterna, nella constatazione della pluralità culturale con pari dignità, nella rottura della cultura patriarcale, omofoba e xenofoba… che è diventata maggioranza relativa in termini elettorali, dopo che lo è a livello sindacale e sociale. Visto il panorama politico europeo forse qualche riga in più, un piccolo sforza magari in taglio basso, i mass media, almeno quelli più “sensibili” a certe tematiche lo avrebbero potuto fare.

Il voto.

Nelle  quattro province basche, Bizkaia, Guipuzcoa, Alava e Navarra la settimana scorsa sono stati chiamati alle urne 2.197.000 elettrici ed elettorali per il rinnovo dei consigli comunali e in Navarra anche per la Diputacion Foral, il parlamento autonomo provinciale. I dati della Navarra che utilizzeremo sono quelli della Diputacion dove un maggior numero di votanti ha espresso la propria preferenza. L’astensione è stata di 740000 votanti.

Read More

Libya: Rocket Attacks on Western Mountain Towns 0

Grads Striking Civilian Areas (Benghazi) – Government forces are indiscriminately attacking towns in the Nafusa Mountains of western Libya almost daily, Human Rights Watch said today, after a five-day visit to the area.  The attacks with Grad rockets, an inherently

Read More

Bahrain: Formula One Should Take Account of Rights Crisis 0

Arrests, Detentions Should Raise Questions for Racing Officials (Washington, DC) – The international racing bodies responsible for scheduling Formula One events should take full account of continuing serious human rights violations when they consider rescheduling a 2011 race in Bahrain,

Read More

Fukushima and the Radioactive Sea 0

Chernobyl Times Ten New readings show levels of radioisotopes found up to 30 kilometers offshore from the on-going crisis at Fukushima are ten times higher than those measured in the Baltic and Black Seas during Chernobyl. “When it comes to

Read More

Consolidating US Money Power: The Four Horsemen of Global Banking 0

If you want to know where the true power center of the world lies, follow the money – cui bono.  According to Global Finance magazine, as of 2010 the world’s five biggest banks are all based in Rothschild fiefdoms UK and

Read More

El imperialismo contemporáneo 0

Al concluir la segunda guerra mundial el escenario del imperialismo quedó totalmente transformado. El sostenido crecimiento y la mejora del nivel de vida inauguraron un período de significativa prosperidad en los países centrales. La reducción del desempleo creó situaciones próximas

Read More

Obama, the Arab Spring and irrelevance 0

In his policy speech on Thursday, 19 May, US President Barack Obama said that with the eruption of the Arab peoples’ revolutions for freedom and democracy Al-Qaida lost its relevance. In my view, so did the US, relatively speaking, but

Read More

The Anglo-American Military Axis: West Backs Holy Alliance For Control Of Arab World And Persian Gulf 0

The standard-bearers of Anglo-American imperialism in the current epoch, President Barack Obama and Prime Minister David Cameron, met in London on May 25 to discuss the world’s two ongoing wars of aggression, those in Afghanistan and Libya, both under the

Read More