Gli affari della famiglia bin Laden nel Regno Unito

La memoria corta di Blair fa sì che nessuno o quasi parli più di quanto stretti fossero i legami di bin Laden con il Regno unito e non solo negli anni ’80, quando cioè Whitehall e Washington pompavano miliardi nelle casse dei “guerrieri musulmani” impegnati a combattere i sovietici in Afghanistan. Nel 1994 Osama bin Laden arrivò indisturbato a Londra, visse a Wembley per qualche mese, il tempo per mettere in piedi un ufficio nella capitale noto con il nome di “Advisory and Reformation Committee”. Il portavoce del comitato, impegnato a lanciare fatwa e a inneggiare alla jihad via fax dal suo appartamento a Dollis Hill, era il “rispettabile” uomo d’affari saudita Khalid al-Fawwaz.
Da Londra al-Fawwaz, amico di molti giornalisti e personalità, organizzava viaggi e interviste nella base di bin Laden in Afghanistan e nel frattempo faceva propaganda soprattutto contro il regime saudita. Ad un certo punto i legami di bin Laden con la Gran Bretagna erano diventati talmente forti (e imbarazzanti) che il governo americano si trovò di fronte alla richiesta di inserire anche il Regno unito nella lista nera dei paesi che sponsorizzavano il terrorismo. Non solo: molti degli stati arabi oggi considerati possibili obiettivi da Blair e Bush, avevano apertamente accusato la Gran Bretagna di offrire ospitalità a estremisti musulmani ricercatissimi.
Negli anni ’80, quando il nemico da combattere era l’Unione sovietica, i corpi speciali di sua maestà, le Sas, offrivano (in Scozia) addestramento ai “guerrieri musulmani” che ricordano con una certa gratitudine la tappa inglese, prima di andare ad arruolarsi nell’esercito di bin Laden. Almeno duemila persone l’anno (negli anni ’80 e ’90), la maggior parte sostenitori della Jihad, fecero di Londra la loro base per chiamare a raccolta i fratelli musulmani e prepararli alla guerra santa: avevano scelto l’Inghilterra per le “tradizioni di democrazia e giustizia”. Ma oltre a predicare e addestrarsi, raccoglievano fondi e riciclavano denaro sporco destinato alle organizzazioni come quella di bin Laden.?Oggi il governo Blair ha messo al bando praticamente tutte le organizzazioni mediorientali e non solo quelle: la nuova legge antiterrorismo infatti è tra le più repressive e onnicomprensive (il concetto di terrorismo è estremamente ampio e quindi applicabile anche a tre amici con materiale ritenuto sovversivo) d’Europa.?Non è un caso dunque che di fronte alle accuse del parlamento francese – la Gran Bretagna continua ad essere un paradiso per il riciclaggio di denaro sporco da parte delle organizzazioni terroristiche – il premier Tony Blair abbia reagito in maniera molto poco diplomatica liquidando il rapporto come “offensivo, male informato, pieno di errori e quindi totalmente inesatto”. Ma nelle 400 pagine redatte dal socialista Arnaud Montebourg si spiega in dettaglio come la City abbia permesso l’espansione del riciclaggio, grazie al suo severo codice di confidenzialità. Nonostante la dura reazione di Blair, il rapporto ha trovato conferme nell’indagine che da mesi la Bbc News Online sta conducendo. Anche i giornalisti britannici sono arrivati alla conclusione che il sistema messo in atto dal governo per combattere il riciclaggio di denaro sporco è totalmente inadeguato. (orsola casagrande)


Related Articles

17 febbraio – 3 marzo 2012

GIOVEDI 16 FEBBRAIO

AHT GELDITU (Movimento No-Tav) a FIRENZE

 VENERDI 17 FEBBRAIO 

AHT GELDITU (Movimento No-Tav) a ROVATO (BS)

 SABATO 18 FEBBRAIO

AHT GELDITU (Movimento No-Tav) a RHO (MI)

AHT GELDITU (Movimento No-Tav) in VAL SUSA (TO)

 DOMENICA 19 FEBBRAIO

IZQUIERDA ABERTZALE (Sinistra Indipendentista) a MILANO

 LUNEDI 20 FEBBRAIO

IZQUIERDA ABERTZALE (Sinistra Indipendentista) a TORINO

HERRIRA, ETXERAT, EX PRIGIONIERI a NAPOLI

 MARTEDI 21 FEBBRAIO

IKASLE ABERTZALEAK (Studenti indipendentisti) a MILANO

 MERCOLEDI 22 FEBBRAIO

HERRIRA, ETXERAT, EX PRIGIONIERI a MILANO (pom.)

HERRIRA, ETXERAT, EX PRIGIONIERI a MILANO (sera)

AHAZTUAK (Memoria storica) a FIRENZE

LUCIO UTURBIA.MURATORE DELL’ANARCHIA (VIDEO)

Gara  Muratore pensionato. Da bambino perse tutto il rispetto per l’autorità. La sua vita è un susseguirsi di contrabbando, rapine, militanza clandestina, rifugio a perseguitati e falsificazione di denaro e di documenti per aiutare cause rivoluzionarie. Pianificò affondare gli Stati Uniti. Organizzò una truffa miliardaria ad una delle principali banche del mondo. Era ricercato da polizie di diversi paesi ed ha conosciuto il carcere. E’ anarchico. Rivendica la responsabilità delle persone. Si definisce ricco, lo definiscono irriducibile.

 

Nella foto: Lucio Iturbia (a sinistra) con lo scrittore Iñaki Egaña

Testo di Fermin Munarriz

 Lei ha 79 anni per nelle sue conferenze le sale sono piene di giovani

Si, perché le idee che porto sono necessarie e alla gente piace quanto dico. E’ facile cambiare il governo, però sappiamo disgraziatamente dove ci porta. La soluzione non viene dai governi, verrà dai noi stessi, se saremo responsabili, senza credere ne in chiese, in partiti o in governi…

Ci troviamo in una grave crisi: cresce la disoccupazione, il capitalismo diventa sempre più selvaggio, però la classe operaia sembra che contempli la situazione…Cosa sta succedendo?

Abbiamo molti più mezzi di una volta, abbiamo anche più libertà però dobbiamo insistere su questa idea necessaria che è la responsabilità. Per me, è perdere il rispetto a ciò che si deve perdere. Bisogna perdere il rispetto a questi capoccia imbecilli che quanto più hanno più vogliono, che non sanno fare altro che accumulare mezzi economici ma che poi non sanno utilizzarli.

Per quale ragione un giovane di oggi dovrebbe impegnarsi in una lotta contro il sistema?

Perché è necessario. La vita non è solo pane. L’essere umano è ciò che è per quello che fa. E la gente giovane deve sapere che non si tratta solo di lavorare, si tratta anche di vivere, di condividere, di creare.

Com’era lei da bambino?

Da bambino ero un rivoltoso e mi davano multe da cinque pesetas. Mia madre non poteva pagarla ed allora mi portavano castigato a piantare alberi o in carcere a Tudela. Questa fu la mia fortuna perché non dovetti fare nessun sforzo per perdere il rispetto a tutto quanto era stabilito. Per questo noi poveri abbiamo una ricchezza se sappiamo utilizzarla. Abbiamo il diritto di perdere il rispetto a questa società idiota. E non sono contro la ricchezza e l’intelligenza, sono contro il mal ultilizzo.

Fin dall’adolescenza ha conosciuto celle, caserme, carceri. Ricorda quante volte è stato arrestato o detenuto?

Mah, quando ero giovincello ho fatto….il carcere di Cascante, che era un fienile, quello di Tudela, che già era un carcere di professionisti, quello di Bera de Bidasoa e quello di Pamplona. Poi in Francia, sono stato anche qui in altre quattro o cinque carceri, però per me questo è stata un ricchezza. Se io dovessi iniziare nuovamente la mia vita rifarei le stesse cose.

Come fu il primo contattato con l’anarchismo

Il mio primo contattato fu in Francia, quando ci arrivai come disertore. Però già allora avevo avuto una piccola esperienza: A Valcarlos io avevo lavorato nel contrabbando. Ed io dico che tutti i contrabbandieri erano anarchici perché era gente che aveva perduto il rispetto all’autorità: la Guardia Civil ci vigilava per anche noi li vigilavamo per poter contrabbandare….

Ed a Parigi iniziò la vita militante nell’anarchismo..

All’inizio facevamo espropri (assalti a banche a mano armata) perché non c’era altro rimedio. Noi non abbiamo avuto ne ministri, ne deputati, ne industriali che ci abbiano aiutato. Noi anarchici facevamo gli espropri come potevamo, però io non considero un eroe quello che prende un mitra, come facevo io, incoscientemente. Puntavi il mitra ad un impiegato di una banca perché ti desse il denaro, d’accordo, però per me non era eroismo, è che non si poteva a fare in altro modo. Quando scoprimmo che potevamo fare altre cose attraverso le falsificazioni, tirai un sospiro perché io non ho ucciso nessuno però potevo essere morto o potevo uccidermi. Era pericoloso.

Che cos’è l’eroismo per lei oggi?

Per me, l’eroismo è non essere d’accordo con questa società di capoccia imbecilli, che non meritano nessun rispetto, perché bisogna essere degli imbecilli per avere i mezzi che hanno e non sapere utilizzarli. Avete visto come l’Europa trema dopo i fatti della Grecia perché non c’altro rimedio in questa società, in certi momenti, che perdere il rispetto ed anche utilizzare la violenza. Disgraziatamente non c’è altro rimedio che utilizzarla. Il timore alla Grecia è dovuto a questi gruppi di anarchici; no serve essere milioni. Tremano perché la società è molto fragile.

UNIVERSITY STUDENT KILLED IN DIYARBAKIR BY POLICE

Aydin Erdem was 23 years old. His life ended on Sunday, when allegedly a policeman shot him in the back

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment