PRIMI DETTAGLI DELLA ROAD MAP DI OCALAN

La Road Map scritta dal leader kurdo Abdullah Ocalan è stata finalmente consegnata ai suoi avvocati. I primi dettagli delle 156 pagine cominciano a essere pubblicati. La proposta della Road Map è un documento articolato e completo, che analizza e offre proposte su tutte le sfere della nuova società prevista dal leader curdo.

In sintesi la Road Map si basa su dieci principi descritti in questo modo:

1. Principio della nazione democratica

2. Principio della patria comune

3. Principio della Repubblica democratica

4. Principio della Costituzione democratica

5. Principio della soluzione democratica

6. Principio dei diritti e delle libertà individuali e collettivi comuni

7. Principio delle libertà ideologiche e di indipendenza

8. Principio della realtà storica e presente

9. Principio della morale e della coscienza

10. Principio dell’autodifesa della democrazia  

Ocalan ha dettagliato i dieci punti come segue:

1. Principio della nazione democratica: la nazione democratica non si basa sulla lingua, etnia, classe o dello Stato, ma dovrebbe essere multilingua, senza differenze di classe. Essa deve essere costruita su individui uguali e liberi.

2. Principio della patria comune: Nessun individuo e parte della società può esercitare pressioni su qualsiasi altro settore della socieà. In questa nuova patria le persone dovrebbero vivere come eguali e liberi.

3. Principio della Repubblica democratica: rappresenta lo Stato democratico aperto alla società e agli individui. Le organizzazioni dello Stato sono diverse da quelle degli individui, ma sono entrambe riconosciute e si rispettano reciprocamente.

4. Principio della Costituzione democratica: la Costituzione dello Stato democratico difenderà i cittadini e si differenzia dalla Costituzione dello Stato nazione. E ‘realizzata con il consenso sociale.

5. Principio della Soluzione democratica: La soluzione democratica ha bisogno di una forte società civile e non di una semplice estensione dello stato. Invece di limitarsi a promuovere cambiamenti formali cercherà di promuovere e costruire nuovi modelli nella società.

6. Principio dei diritti e delle libertà individuali e collettivi comuni: La società è composta da individui diversi che tuttavia sono eguali quando si tratta di diritti collettivi e individuali. Sono le due facce della stessa medaglia: è per questo che i diritti individuali e collettivi non possono essere separati.

7. Principio delle libertà ideologiche e di indipendenza: La nazione democratica non può esistere se non supera l’egemonia della strategia positivista del capitalismo moderno fondata sull’individualismo e sottoposta al liberalismo. La sua natura sociale deve avere una vera coscienza per essere il terreno per la società democratica.

8. Principio della realtà storica e presente: le realtà sociali sono realtà storiche. Realtà vissute nella storia si vivono oggi in modi diversi. Senza la costruzione di questi legami storici (i legami con il passato) l’egemonia del capitalismo moderno, che sta cancellando la storia dell’individuo, non può essere superata. Memoria storica e capire la storia è cruciale.

9. Principio della morale e della coscienza : Nessuna domanda sociale può trovare una soluzione sana, senza far riferimento alla coscienza e moralità. La modernità da sola con il diritto e la forza non può risolvere i problemi, ma piuttosto essa interpreta erroneamente i problemi. In una nazione democratica è necessaria un’empatia costruita sulla morale e la coscienza.

10. Principio dell’autodifesa della democrazia  : Senza una reale difesa di sé nessun essere può esistere. Così la società democratica non può esistere senza un meccanismo di autodifesa.

Ocalan individua tre fasi in cui il processo dovrebbe svilupparsi.

a. Il PKK deve dichiarare un cessate il fuoco permanente, e in questa fase nessuna parte deve accettare provocazioni e deve aumentare il controllo sulle sue forze durante la preparazione dell’opinione pubblica agli sviluppi in atto.

b. Una Commissione per la verità e riconciliazione dovrebbe essere istituita per iniziativa del governo e del parlamento. Nella creazione della Commissione ci deve essere parità di diritti. Il Parlamento dovrebbe quindi chiedere una amnistia generale per favorire un ambiente migliore ala ricerca di una soluzione. Una volta eliminati gli ostacoli giuridici il PKK, sotto controllo USA, ONU, UE, governo federale curdo dell’Iraq, governo turco, dovrebbe ritirarsi oltre i confini turchi. In una fase successiva queste unità guerrigliere dovrebbero entrare e essere coinvolte in diverse aree e paesi. Il punto critico in questa fase è che mentre le forze del PKK si ritirano oltre i confini turchi, i prigionieri politici in Turchia devono essere rilasciati. Le due cose devono andare insieme.

c. Una vera democratizzazione si costruisce su un nuovo quadro giuridico che rende non necessario il ricorrere alla violenza. I membri del PKK, e poi quelli che vivono in esilio, quelli privati della cittadinanza, rifugiati politici, dovrebbero essere in grado di tornare nel loro paese. Le attività del KCK, una volta legalizzate, renderanno  inutile l’esistenza stessa del PKK. Il lavoro in ogni campo sarebbe per una politica democratica, sociale, economica, culturale.

E’ evidente che nella realizzazione di queste tre fasi la situazione del leader kurdo è di importanza strategica visto il ruolo che Ocalan potrebbe giocare nella concretizzazione di questo processo.


Related Articles

I NEED SPAIN?

Si era presentato come il Governo della concordia, quello del PSE di Patxi Lopez, che avrebbe combattuto la logica dei

VENEZIA, 11-12 FEBBRAIO 2011. PROCESSI DEMOCRATICI DI SOLUZIONE DEI CONFLITTI.ESPERIENZE DI DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA.

L’11 e 12 febbraio 2011 a Venezia (SALA S. LEONARDO,  Rio Terà S. Leonardo, Cannaregio 1584) si svolgerà la seconda conferenza internazionale “Processi di Pace e Risoluzione dei Conflitti” promossa dal Centro Pace del Comune di Venezia. Questa conferenza si svilupperà su due assi: da una parte l’analisi dei processi (in atto o in fieri, e comunque allo stato unilaterali) di ricerca di una soluzione pacifica, basata sul dialogo, del movimento kurdo e della sinistra abertzale basca a un anno dalla prima conferenza veneziana, svoltasi nel novembre 2009. In quell’occasione la sinistra indipendentista basca (le organizzazioni di quest’area politica sono illegalizzate nello stato spagnolo dal 2002), il DTP kurdo (illegalizzato dalla Corte Costituzionale turca poche settimane dopo la conferenza), e il Sinn Fein irlandese hanno discusso e proposto percorsi di soluzione a conflitti che storicamente hanno caratterizzato, e caratterizzano, le vicende politiche  delle loro comunità nazionali  di riferimento e dei quali questi movimenti sono parte in causa. In quella conferenza la sinistra indipendentista basca ha reso pubblica la decisione politica (Declaracion de Venecia y Alsasua) concretizzatasi poi nel documento Zutik Euskal Herria! (In piedi Paese basco!). In questo documento il movimento politico basco ha scelto una strategia che porti a un processo democratico senza violenza né ingerenze per una soluzione del conflitto politico basco spagnolo. La soluzione del conflitto necessita ancora di un lungo cammino da percorrere, come dimostra il susseguirsi di eventi di questi ultimi mesi (comunicati di ETA che avallano la posizione della sinistra indipendentista, la dichiarazione di cessate il fuoco “permanente, generale e verificabile dalla comunità internazionale”, convergenza di organizzazioni politiche, sindacali e sociali basche a favore del processo democratico, arresti di dirigenti politici che avevano promosso questa iniziativa politica, iniziative legislative del governo spagnolo volte a rafforzare l’illegalizzazione della sinistra indipendentista, rifiuto da parte governativa a ogni dialogo. Il DTP kurdo ha presentato a Venezia le basi di quella che nel 2010 è venuta definendosi come ‘autonomia democratica’. Il cessate il fuoco unilaterale dichiarato dal PKK (Partito dei Lavoratori del Kurdistan) è stato esteso per consentire la creazione di condizioni favorevoli a un dialogo, ma l’esercito turco sta continuando le operazioni militari, anche se il governo ha ammesso che ci sono contatti con il leader kurdo incarcerato, Ocalan.

Il secondo asse sul quale si svilupperà questa seconda conferenza è invece quello delle pratiche. Nonostante i conflitti, i soggetti politici che rivendicano riconoscimento hanno accompagnato all’azione contestativa  pratiche di costruzione del comune. Sono esperienze limitate si dirà, ed è certo vero, visto che cercano di svilupparsi in contesto in cui la situazione politica attuale nega loro la possibilità di essere articolate. Però danno la misura del rilevante contributo che potrebbero offrire quando il processo democratico riuscirà a porre le basi di una dialettica non violenta. Essendo poi la problematica inserita nella questione identitaria, essa assume un interesse particolare vista l’attualità del dibattito sull’incontro/scontro tra culture. L’ispirazione ideologica di questi movimenti ha imposto storicamente un approccio articolato e approfondito del senso di appartenenza a una comunità. Ma ha anche delineato un approccio critico alla forma ‘stato’ immaginando una ipotesi di organizzazione sociale che sviluppi forme più partecipative e decentrate non solo internamente ma anche in rapporto con altre comunità.
Questi movimenti pur essendo protagonisti di conflitti laceranti hanno saputo delineare una proposta politica inclusiva, che riconosce la pluralità del mondo su un piano di parità. Esperienze di partecipazione che hanno anche altre espressioni in contesti dove non esiste un conflitto identitario ma che hanno come elemento comune il riconoscimento della diversità. Trovare un nesso tra cultura autoctona, partecipazione democratica nel determinare le scelte economiche e sociali e rapporto con altre culture, partendo dall’esperienza municipale è un percorso sul quale costruire percorsi di pace e giustizia. 

 

PROGRAMMA

Un acuerdo migratorio trascendente, Cuba-EEUU

El pasado 12 de enero en horas de la tarde los Gobiernos de EE.UU y Cuba hicieron público un acuerdo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment