GIORNALISTA “ARRESTA” LIEBERMAN. CENSURATO

Il servizi televisivi della Unione Europea sono stati protagonisti di un palese episodio di censura. Il giornalista irlandese del The Guardian, David Cronin, ha messo in atto una singolare forma di protesta contro il ministro degli Esteri israeliano Avigdor Lieberman, la cui avversità dai tratti razzisti contro gli arabi sono note, tra l’altro propose l’applicazione della legge sui partiti spagnola che ha il legalizzato Batasuna, per escludere dalla Knesset i partiti che rappresentano i palestinesi. Cronin, poco prima che iniziasse la conferenza stampa, si è rivolto al ministro israeliano gridando: “Questo è un arresto cittadino. Lei è colpevole dello stato di apartheid israeliano. Mi accompagni in commissariato”. I servizi di sicurezza sono immediatamente intervenuti contro il giornalista, che è anche corrispondente di Inter Press Service (IPS) a Bruxelles, portandolo fuori dalla sala mentre continuava a gridare “Liberate la Palestina”.

La scena, di appena dieci secondi,  venne trasmessa in diretta però fu eliminata dalle immagini che diffondono in differita il Servizio Audiovisivo Europeo (EBS) e la televisione interna del Consiglio Europeo  (TVNewsroom). EBS ha ammesso che è stata ritirata la parte del video in questione su richiesta del Consiglio della Unione Europea.

Per vedere il video della protesta: http://www.youtube.com/watch?v=_ZGBeVRL52A


Related Articles

IL PKK RIVENDICA OMICIDIO POLIZIOTTI

Il Pkk ha rivendicato l’omicidio di due poliziotti a Samsun, sul Mar Nero. I due agenti sono stati attaccati da

BISKY DELLA SINISTRA EUROPEA: SOLO CON IL DIALOGO LA PACE IN TURCHIA

Lothar Bisky, della tedesca Die Linke (la sinistra), è anche presidente del GUE, il gruppo della sinistra al parlamento europeo.

Un balance provisional a seis meses del reinicio de relaciones Cuba- Estados Unidos

Los resultados prácticos del proceso de normalización entre los EE-UU y Cuba pueden parecer escasos a seis meses de su reinicio oficial pero no se pueden esperar avances rápidos tras más de cinco décadas y media de desencuentros

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment