APOLOGIA DEL DIALOGO SUL BANCO DEGLI IMPUTATI (VIDEO)

Nella cultura della sinistra indipendentista basca  il leaderismo non è mai stato un elemento di potere nei termini a cui siamo abituati: i volti dei o delle leader della sinistra indipendentista hanno occupato manifesti o striscioni solo quando erano in carcere o sono morti. L’idea di un progetto collettivo è stata ed è vissuta come un segno d’identità politica. Nomi noti e meno noti  sono stati punti di riferimento, voci autorevoli ma che esercitano la loro influenza non dimenticando  mai, che sono espressione di un movimento di una idea ed un progetto che ha l’ambizione di essere il più possibile partecipativo. Lo ricordava Roberto Sampedro, responsabile dell’ufficio stampa di Herri Batasuna, negli anni 90, “La militanza deve essere integrale, oggi nella Mesa Nacional (direzione del movimento), domani nel comitato locale, oggi dando una conferenza stampa e domani affiggendo manifesti”. Una cultura che non va per la maggiore ai nostri giorni, dove ormai il “partito” si costruisce sull’immagine del “personaggio salvatore”. Per questo forse l’anomalia della sinistra indipendentista viene osteggiata da Madrid, attraverso la forzatura della leadership, nel unico modo, per ora, con sui riesce a riconoscere la sinistra indipendentista e cioè  portandola sul banco degli imputati. Ormai i processi di natura politica, che chiamano in causa il diritto di associazione, di riunione, di espressione, di partecipazione politica ed elettorale, liberta di stampa, alla disobbedienza civile  e se arrestati diritto a una processo con il giudice naturale, alla difesa, alla presenza di un avvocato, diritto all’ Habeas corpus, diritto a non dichiarare,  hanno raggiunto numeri che non hanno uguali nella storia d’Europa. Il pretesto del terrorismo condisce tutte questi procedimenti giudiziari. Che sia ormai evidentemente pretenziosa la natura di questi processi lo testimonia la scelta attuale e definitiva  fatta dall’imputato, la sinistra indipendentista,  per risolvere il contenzioso basco spagnolo, cioè attraverso un processo democratico, includente e pacifico. Il personaggio  che più richiama l’attenzione dei giudici non solo per il ruolo che ha rivestito negli anni scorsi, è Arnaldo Otegi. In questi giorni si trova sul banco degli imputati questa volta assieme a Joseba Alvarez e Joseba Permach , anch’essi esponenti della sinistra indipendentista  Il motivo? L’aver promosso il meeting del 14 settembre 2004 a Donostia nel velodromo Anoeta Orain Herria, Orain Bakea (Adessso il popolo, adesso la pace) nel quale la Sinistra indipendentista annunciò la proposta dei due tavoli di negoziato, uno tra i partiti politici presenti nel Paes basco per trovare una soluzione politica al conflitto, sull’altro ETA e Governo spagnolo per discutere delle conseguenze del conflitto, vittime prigionieri e smilitarizzazione. Fu una manifestazione, a cui preso parte 15 mila persone, che segnò un primo e un dopo per il movimento di sinistra basco i cui sviluppi sono la scelta strategica attuale. Che fosse un passo importante ne prese atto anche il governo del PSOE guidato da Zapatero, a pochi mesi dalla vittoria elettorale resa possibile dal suicidio politico di Aznar per la strumentalizzazione agli attentati dell’ 11 marzo dello stesso anno a Madrid.

 

Infatti come scrisse allora il quotidiano El Pais “Ne il Dipartimento Basco degli Interni, ne la Procura, nel la Delegazione del Governo in Euskadi adottarono alcuna misura per evitare la riunione di Batasuna, nonostante la sua celebrazione fosse stata annunciata con tre settimane di anticipo. L’unica obiezione provenne dal Partido Popular di San Sebastian che criticò il sindaco socialista Odon Elorza, per aver concesso una installazione municipale ad un partito messo fuori legge”. La questione venne ripresa nel 2005 dal giudice  Eloy Velasco, lo stesso del teorema, Cuba Venezuela, Farc e ETA, che apri una indagine citando come imputati i tre esponenti della sinistra indipendentista con l’accusa, tra l’altro, di  “organizzazione manifestazione illegale” e “ apologia di terrorismo”. Poi venne la tregua di ETA e il dialogo sui due tavoli. La rottura di quel processo negoziale portò alla riapertura del caso nel 2008. L’unica accusa del pubblico ministero è rimasta quella di apologia di terrorismo.  Un paradosso, giudiziario -si processa i promotori di una proposta di pace – che portano i giudici della sala ad impedire qualsiasi deposizione o domanda che cerchi di spiegare il contenuto di quella manifestazione. Ad attirare ancor più l’attenzione dei media è stata la deposizione del presidente del Partito Socialista d’Euskadi, Jesus Eguiguren, protagonista del dialogo con la sinistra indipendentista che  porterà i negoziati del 2006, (per vedere la sua deposizione – in spagnolo – clicca qui). Otegi nonostante sia stato zittito nella prima deposizione è riuscito  a evidenziare la natura di questo processo ed allo stesso tempo la scelta strategica che la sinistra indipendentista ha fatto. La chiusura del suo intervento è stata una dichiarazione di “solidarietà al popolo saharawi” (in relazione  al massacro compiuto alcuni giorni fa dalle forze di polizia e militari del Marocco nella località di El Aaiún). (per vedere la dichiarazione di Arnaldo Otegi – in spagnolo – clicca qui)

 

Fonte video: http://www.gara.net/


Related Articles

BILBAO: UN’ONDATA DI SOLIDARIETA CON I PRIGIONIERI BASCHI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Immagine ottenuta dalla webcam del Municipio di Bilbao, che mostra la calle Autonomia 

 

E’ un tratto della cultura politica del Paese Basco la manifestazione di piazza. E quella di oggi rientra a pieno titolo tra le più numerose. Ancora una volta è Bilbao a “misurare”, come hanno scritto alcuni quotidiani spagnoli, l’adesione alla rivendicazione del rispetto dei diritti politici dei 735 detenuti e detenute politiche rinchiusi in decine carceri soprattutto in Spagna ma anche in Francia. C’era attesa per questo appuntamento. Attesa se si sarebbe svolta o meno, visti i divieti e proibizioni all’ultima ora a cui avevano abituato  l’Audiencia Nacional, il tribunale speciale spagnolo in questi anni di “proscrizione” a tutto quanto odori a sinistra indipendentista. In questo caso, però, l’ennesima richiesta avanzata dalla Asociacion Victimas del Terrorismo, e supportata dal Partido Popular, non ha avuto esito. Il giudice di turno dell’ Audiencia Nacional, Pedraz non  ha riscontrato nella piattaforma che ha organizzato la marcia un legame organico con organizzazioni ilegalizzate ne “la rivendicazione di un cambiamento della politica penitenziaria può essere identificata con apologia di terrorismo”. Insomma tutto faceva presagire che questa volta le arterie e piazze che dividono in due il capoluogo basco sarebbero state invase “fino a tracimare” da decine di migliaia di persone. E cosi è stato.  Migliaia di persone che hanno dimostrato ancora una volta che al di là della identificazione o meno con le azioni delle persone detenute, la “questione dei prigionieri” rimane un aspetto determinante nella soluzione del conflitto basco spagnolo. Una sensibilità storica verso la detenzione politica che ha accompagnato in modi diversi  la storia di questo paese per tutto il secolo scorso fino ai nostri giorni. Attesa c’era anche per cosa avrebbero detto le forze politiche Sinistra Indipendentista, Eusko Alkaratuna, Aralar Alternatiba e sindacali ELA LAB Ehne, Esk le principali organizzazioni della area progressista basca che, oltre ad aderire alla manifestazione, hanno anche sottoscritto l’Accordo di Gernika nel quale si chiede esplicitamente a ETA e Governo spagnolo di intraprendere un camino di soluzione pacifica del conflitto. Attesa c’era anche se ETA avrebbe “detto qualcosa” in questa occasione, quando sono settimane che politici e mezzi d’informazione annunciano “a breve” un comunicato dell‘organizzazione armata basca, meglio sarebbe dire IL comunicato, nel quale ETA rivelerebbe se accetta le esigenze contenute nell’Accordo di Gernika. In tal senso si è espresso il portavoce del Partido Socialista basco, Pastor, per il quale la manifestazione “sarebbe una buona occasione” per chiedere a ETA la fine della lotta armata. Ma gli esponenti delle forze politiche presenti alla manifestazione hanno evitato di pronunciarsi su altri argomenti che non siano quelli inerenti la necessita di un cambiamento della politica penitenziaria nei confronti dei detenuti baschi da parte del Governo spagnolo. Del resto, in Spagna la questione basca viene ormai percepita come incamminata verso una sua evoluzione e che la sinistra indipendentista presto o tardi tornerà ad essere protagonista anche in ambito elettorale e istituzionale. Per questo sia il quotidiano conservatore El Mundo sia quello filo socialista Publico, attribuivano alla manifestazione la funzione di “banco di prova” per la sinistra indipendentista. El Pais, da parte sua, ha riferito “in diretta” della manifestazione, fatto questo unico per questo riguarda una manifestazione della sinistra basca. Ma c’è anche chi ha manifestato la sua totale contrarietà a questa manifestazione soffiando sul fuoco del “conflitto perenne”.  Cosi il quotidiano monarchico ABC titola “Marcia a Bilbao al grido di “senza amnistia non ci sarà pace” (sic), mentre per il presidente del Partido Popular del Paese basco, che appoggia il  governo del Partito socialista nella Comunita Autonoma Basca, Antonio Basagoiti, la manifestazione di oggi a Bilbao “è tanto ripugnante come un atto a favore di stupratori detenuti”.

Soy un xenofobo –José Mari Esparza Zabalegi

        ME han convencido mis paisanos progres. Según los epítetos que me han dedicado estos días en

Kongra Star calls for an end to the occupation of Afrin

Kongra Star issued a statement to mark the 3rd anniversary of the invasion of Afrin carried out by Turkey.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment