GERGER: MANO USA NELLA “TURCHIA SECONDO ERDOGAN”

Ankara. Haluk Gerger è docente di scienze politiche e scrittore. Lo incontriamo al termine del summit dello YAS (il consiglio militare supremo)

Che cosa pensa del risultato di questo meeting?

Fa parte della ‘lotta di potere’ in atto tra sezioni della classe dominante. Da una parte ci sono i nazionalisti posizionati attorno e sotto la leadership delle Forze Armate (Genel Kurmay). Dall’altra ci sono i liberali in tutte le loro varianti. Rappresentano una nuova sezione all’interno della grande borghesia chiamata “capitale verde” o “tigri anatoliche”. Questo nuovo settore attraverso il suo rappresentante politico, il governo dell’AKP (partito della giustizia e dello sviluppo) vuole liberarsi dalla vecchia “ideologia ufficiale”, che è quella kemalista (del padre della patria, Ataturk), elitaria, statalista. Questo nuovo settore pensa di poter imporre la sua “egemonia di valori” (di gramsciana memoria) appoggiandosi all’Islam, al “conservatorismo dell’Anatolia” e a una sorta di sintesi che definirei “turchismo-ottomanesimo”. Questo gruppo agguerrito ritiene di non aver bisogno di accettare la tutela, la protezione della burocrazia dello stato e dell’esercito. Loro vorrebbero che la borghesia dominasse la burocrazia anziché dividere il potere con essa. In altre parole, vogliono essere soltanto un “normale” sistema capitalista. Così la lotta di potere non ha nulla a che vedere ovviamente con la democrazia, le libertà, la modernizzazione. La burocrazia armata sta avendo da parte sua diversi problemi con l’imperialismo, in particolare sulla questione kurda, ma anche sulle influenze culturali cosmopolite della globalizzazione, sullo smantellamento di ciò che lo stato controllava e che ora viene divorato dal capitale neoliberista internazionale. La burocrazia armata ha la percezione di essere venduta dall’imperialismo al quale in precedenza (nel vecchio ordine mondiale della Guerra Fredda) era stata così leale.

Anche gli Stati uniti giocano la loro parte in questo re-shaping, rimodellamento turco…

Certo gli Usa stanno aiutando il governo dell’AKP a smantellare il vecchio, desueto e ormai sovra esposto modello della Gladio turca, che viene rimpiazzato per rispondere alle nuove condizioni e soprattutto ai cambiamenti nei rapporti tra classi. In questo senso sembra che abbiamo trovato un qualche tipo di accordo sulla questione kurda. La strategia precedente dello stato era quella della “totale liquidazione del problema attraverso la violenza”, un’impostazione nazionalista-kemalista. Ma non ha funzionato. O comunque qualcuno nella coalizione di governo lo ha pensato. Non ora. La cosa è iniziata con il vecchio presidente Turgut Ozal. Ora con l’aiuto attivo del presidente americano Obama, la coalizione liberista dell’AKP ha provato la sua ‘açilim’, la cosiddetta iniziativa democratica che ha inaugurato una nuova fase, che definirei della liquidazione liberista. In altre parole, liquidare con la violenza l’ala militare del PKK. Quindi passare al sostegno della violenza ma attraverso una fase di finte riforme per arrivare alla liquidazione, all’eliminazione dell’ala politica. E quindi dell’intera questione. Mi pare però che siamo tornati alla fase dell’eliminazione con la violenza di tutto ciò che è la questione kurda.

Torniamo ai rapporti di forza tra governo e militari. Come vi entra l’Europa?

L’Europa non vuole che la forza e le funzioni delle forze armate turche siano soltanto in mano degli Stati uniti. Così l’Unione europea usa la prospettiva di una ‘candidatura’ per la UE come un nodo per tenere la Turchia legata a sé o comunque nell’orbita europea. Nel frattempo, imponendo funzioni militari di tipo Guerra Fredda e un capitalismo liberista selvaggio ancorato a Maastricht, l’Unione europea sta distruggendo consapevolmente ogni speranza di democratizzazione e quindi di relativo benessere per le masse. Il militarismo imposto e lo strangolamento economico risultano in un crescente establishment militare, valori militari, spese militari esorbitanti, e per contro crescita esponenziale della povertà e del malcontento nei lavoratori. Il che fa sì che chi governa abbia timore della sua stessa gente, della democrazia con la conseguenza che ricorre a ulteriore repressione. In altre parole, la politica dell’Unione europea a mio avviso produce più militarismo e meno democrazia e naturalmente meno stato sociale.

Il 12 settembre ci sarà il referendum per emendare la Costituzione dei militari.
Anche il referendum fa parte della lotta di potere in atto. L’AKP e i liberisti vogliono conquistare la magistratura, le università, le scuole. L’altra parte vuole mantenere lo status quo istituzionale. Siamo di fronte a una guerra di trincea. Credo che in questo momento Erdogan e il governo abbiano il coltello dalla parte del manico. L’esito del meeting del Consiglio Militare Supremo ha segnato una vittoria psicologica per il primo ministro e i suoi nei confronti dell’esercito. E questo credo giocherà in favore del sì al referendum.


Related Articles

PAESE BASCO: SI E’COSTITUITO IL GRUPPO INTERNAZIONALE DI CONTATTO

Come era stato annunciato dopo la dichiarazione di “alto al fuoco generale, permanente e verificabile” dell’organizzazione ETA del 10 gennaio

BIN LADEN IL FRANKENSTEIN CREATO DALLA CIA – Enrico Piovesana

Peacereporter. Figlio di un magnate delle costruzioni di origine yemenita (Mohammed Awad Bin Laden) e di una donna di origine siriana, Osama nasce il 10 marzo 1957 a Riyadh, capitale dell’Arabia Saudita. All’età di 13 anni perde il padre. A 17 si sposa con la prima delle tre mogli, una ragazza siriana, sua parente. Il matrimonio a una così giovane età fa parte – per il suo carattere di protezione dalla corruzione e dall’immoralità – della rigida educazione religiosa che gli viene impartita. Compie tutti i suoi studi nelle scuole della città di Gedda, fino a conseguire la laurea in Management ed Economia all’università Re Abdul Aziz.

In questo periodo si accosta al movimento della “Fratellanza musulmana” e, negli anni che seguono, inizia a stringere sempre più stretti contatti con numerosi gruppi di integralisti islamici. Oltre che ad accumulare una discreta fortuna occupandosi della gestione dell’impresa paterna. Abbandonerà tale attività nel 1979 quando, a seguito dell’invasione dell’Afghanistan da parte di truppe sovietiche, si dedicherà ad aiutare i fratelli musulmani contro i “senzadio” comunisti. Inizia infatti ad investire le proprie ricchezze per reclutare volontari, e, in seguito, per addestrarli e per fornirgli le armi necessarie per combattere al fianco dei mujaheddin afgani. Crea così il gruppo del “Fronte di salvezza islamico”, potendo tra l’altro contare, oltre che sui propri fondi, anche sull’aiuto economico proveniente dagli Stati Uniti e sul appoggio della Cia (vedi sotto “Blowback”).

El Estado español realiza cálculos, pero sus prejuicios interfieren en el resultado

Gara, editorial A pesar de ser un país habituado a jornadas de máxima tensión política, la noche del jueves al

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment