PRIGIONIERI MAPUCHE IN SCIOPERO DELLA FAME

L’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) è molto preoccupata per le possibili conseguenze di salute per i prigionieri politici Mapuche nelle carceri di Concepción e Temuco che da lunedì 12 luglio sono in sciopero della fame a tempo indeterminato, con la sola assunzione di liquidi. Le richieste dei prigionieri politici sono in primo luogo la fine dell’applicazione della cosiddetta legge antiterrorismo (legge 18.314) del periodo della dittatura militare di Pinochet, la fine dei doppi processi militari e civili per lo stesso reato, la fine dell’utilizzo dei cosiddetti testimoni “senza volto”, la fine della tortura e delle confessioni estorte con la violenza, la fine dell’uso eccessivo della detenzione preventiva e infine la smilitarizzazione delle comunità e zone mapuche.

Secondo la Commissione Etica contro la Tortura del Cile (CECT), attualmente nel paese ci sono 57 prigionieri politici mapuche (tra cui due minori di età), ma se si includono le persone trattenute con misure di detenzione preventiva si arriva a 96 prigionieri politici. La stessa CECT ha poi documentato l’uso massiccio della tortura contro i prigionieri mapuche. Nonostante nel 2005 il Cile sia stato condannato dalla Corte Interamericana dei Diritti Umani per l’uso della giustizia militare contro civili, attualmente sette prigionieri Mapuche del carcere di Concepción sono sotto processo sia militare sia civile per lo stesso presunto reato. Gli imputati mapuche continuano inoltre ad essere giudicati in base alla legge antiterrorista emessa durante la dittatura militare del generale Pinochet nonostante la manifesta e ripetuta contrarietà di diversi organi delle Nazioni Unite secondo cui è inammissibile l’applicazione della legge antiterrorista nelle questioni riguardanti richieste di carattere sociale.

I prigionieri mapuche in sciopero della fame chiedono processi giusti, senza l’utilizzo dei cosiddetti testimoni “senza volto”, le cui identità restano ignote agli avvocati difensori e agli stessi imputati non permettendo quindi la verifica dell’attendibilità delle dichiarazioni dei presunti testimoni. Anche la pratica della detenzione preventiva, che grazie a costanti rinvii di processo mantiene gli imputati in carcere per periodi anche di due anni, è, come sottolinea la Corte Interamericana per i Diritti Umani, non una misura eccezionale ma ormai pratica comune anche quando non sarebbe di fatto necessaria.

L’APM sostiene le richieste dei prigionieri politici mapuche e chiede al governo cileno del presidente Sebastian Piñera di applicare correttamente e incondizionatamente la Convenzione ILO 169, la Dichiarazione Universale delle Nazioni Unite sui Diritti delle popolazioni Indigene, di osservare le raccomandazioni degli inviati speciali delle Nazioni Unite per gli Affari Indigeni Rodolfo Stavenhagen prima e James Anaya ora e di rispettare le indicazioni provenienti dalle passate sentenze della Corte Interamericana per i Diritti Umani.

Fonte: http://www.gfbv.it/2c-stampa/2010/100714it.html


Related Articles

Comienza el curso político tras unas vacaciones que no lo han sido para el acoso y los recortes – Gara

        Gara.El comienzo del nuevo curso político llega marcado por un verano en el que la atención

ROJAVA RESISTANCE: DAY 11 – LIVE BLOG

20:10 Kurdish Red Crescent (Heyva Sor), Syrian Red Crescent and International Red Cross have finally managed to enter the city of

ETA: LA VERSIONE SUI FATTI DI DAMMARIE-LES-LYS

In un comunicato pubblicato oggi dal quotidiano basco Gara, ETA de la sua versione sulla morte del poliziotto francese avvenuta

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment