ETA APPOGGIA UNA NUOVA FASE POLITICA

Dopo mesi di silenzio, l’organizzazione armata basca ETA ha fatto sentire la sua voce, durante la manifestazione di omaggio al militante basco Jon Anza a Ziburu, Iparralde, come riporta oggi il quotidiano basco GARA, notizia ripresa dagli altri giornali baschi e spagnoli. Tre persone con il volto coperto da fazzoletti bianchi e vestiti scuri che ostentavano lo scudo di Euskal Herria e l’anagramma di ETA , sono saliti sul palco durante la manifestazione quando gli organizzatori avevano già allontanato i giornalisti. Due dei militanti di ETA reggevano un grande anagramma di ETA che poi hanno depositato a fianco della foto di Jon Anza mentre un terzo a letto un comunicato. Dopo aver ricordato la figura di Jon Anza, ETA ha lanciato un appello alla cittadinanza basca a “attuare con l’ ambizione di vincere” oltre a nutrire “speranza e determinazione”. “Oggi più che mai, il futuro è nelle mani dei cittadini e cittadine baschi”, ha detto il rappresentante di ETA. Ha poi aggiunto: “Sappiamo quanto è costato arrivare fino a qui, però e dinnanzi ai nostri occhi il risultato fruttuoso della lotta portata avanti fino ad ora: Euskal Herria è alle porte di un periodo di cambiamento, per poter recuperare la sua voce. Oggi questa opzione si sente più vicina ed è possibile raggiungerla”. Nel documento traspare un appoggio esplicito alla scelta strategica della sinistra indipendentista basca per un processo democratico “senza violenza ne ingerenze”. Il rappresentante di ETA a detto che la sinistra indipendentista “ha portato avanti in questi ultimi mesi un lungo e profondo dibattito, ed ha preso le sue decisioni” nonostante le pressioni ed intossicazioni informative che ha subito, che avevano l’obiettivo di provocare anche una scissione. “Non lo hanno ottenuto, ne lo otterranno”, ha assicurato. Per ETA “il nervosismo del nemico ci insegna il cammino che dobbiamo seguire, senza complessi ma con coraggio”. Ha invitato ad attivare “la sinistra indipendentista d sempre”. Un sinistra indipendentista “plurale” che riunisce persone di differenti generazioni e provenienze, che riunisce differenti organizzazioni, e che sa “mantenersi ferma nelle sue decisioni” dopo aver realizzato “intensi dibattiti”. Dopo aver citato al militante basco Argala, ucciso nel 1978, sulla necessita che sia il popolo basco protagonista della sua propria emancipazione, il rappresentante di ETA ha concluso sostenendo che questo sarà il cammino rompendo “le mura della situazione di eccezione e di negazione, conquisteremo l’autodeterminazione”.

Questo pronunciamento di ETA si insereisce nel ambito del processo di consolidamento del progetto strategico della sinistra indipendentista basca. Il fatto che dopo un’anno dagli ultimi attentati dell organizzazione armata basca in terriotorio spagnolo (nel 2009, il 31 luglio due guardia civles uccisi a Mallorca e 9 agosto l’esplosione di bombe in alcuni impianti turistici, senza provocare feriti, sempre a Mallorca) si ripresenti attraverso un comunicato che avvalora la scelta della sinistra indipendentista, evidenzia ancora una volta come l’informazioni del Ministero degli Interni spagnolo su possibili rotture o ripresa di campagne armate di ETA, per contrstare la scelta della sinistra indipendentista, si siano dimostrate, alla luce dei fatti, prive di fondamento. Significativo è il fatto che nonostante i numerosii arresti di presunti militanti di ETA e la scoperta di covi e depositi di armi in questo ultimo anno, il Ministero degli Interni spagnolo abbia creato un clima di minaccia incombente per giustificare il giro di vite, insaprimento della legge sui partiti, arresti di dirigenti, procesi politici, contro al sinistra indipendentista basca. Il fatto che questo movimento politico continui nonostante tutto sulla strada per una soluzione politica al conflitto, accordi con altre forze progressite e per al sovranità basca, è la dimostrazione che la strategia di Madrid rischia di essere un boomerang soprattutto in terra basca.  


Related Articles

MESSICO: GUERRA NARCOS. 4 MILA BAMBINI UCCISI

Mentre continuano a crescere quotidianamente il numero delle vittime della cosiddetta guerra del narcotraffico che dal 2006 ad oggi ha

ETA: BRUXELLES, RUBALCABA E IL PNV

Continuano le reazioni all’annuncio di ETA diffuso ieri attraverso un video inviato alla BBC e al quotidiano basco GARA. Oggi

GERGER: MANO USA NELLA “TURCHIA SECONDO ERDOGAN”

Ankara. Haluk Gerger è docente di scienze politiche e scrittore. Lo incontriamo al termine del summit dello YAS (il consiglio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment