IMMIGRAZIONE: FATTI D’ORDINARIA MISERIA (Video)

SOS Racismo della Navarra ha diffuso un video nel quale viene mostrato parte del trattamento ricevuto da un ‘immigrante da parte della polizia municipale di Pamplona. Le immagini sono state riprese nella notte tra l’11 ed il 12 settembre 2009 e si riferiscono ai momenti in cui la persona arrestata veniva introdotta nel garage della sede della polizia municipale nella Calle Monasterio di Iratxe. Prima e dopo il detenuto ha ricevuto colpi e botte in tutto il corpo. Le immagini confermano la denuncia che aveva presentato la persona aggredita e come sostiene SOS Racismo non è tra “le denuncie più gravi che abbiamo ricevuto, però si quella di cui abbiamo prove ed accesso” grazie alla registrazione. Una richiesta, quella delle camera circuito chiuso che riprendenono ogni istante della permanenza della persona arrestate nelle dipendenze di polizia, che viene avanzata da diversi organismi umanitari baschi catalani spagnoli ed internazionali per combattere il fenomeno della tortura. Il governo spagnolo cosi come il “suo” Difensore Civico, Mugica Herzog, smentiscono l’esistenza della tortura nonostante i fatti, come in questo caso ed altri supportati da immagini video, dicano il contrario.  SOS Racismo ricorda che in questo caso il video “da credibilità alla versione della persona aggredita” mentre senza di esso “si troverebbe in una situazione  di indifesa, poiché i giudici stanno dando un eccessivo valore alla presunzione di veracità agli agenti di polizia”.    Qui un altro video su maltrattamenti di una persona arrestata in Catalunya. 


Related Articles

Hasankeyf still in danger

Hasankeyf, an ancient city in the province of Batman, is facing the risk of being submerged into water because of

GERRY ADAMS: METTERSI NEI PANNI DEGLI AVVERSARI PER FAR AVANZARE LA PACE

Gerry Adams presidente del Sinn Féin è stato appena rieletto al parlamento di Westminster riconquistando con ampi margini sul suo

COLOMBIA AL VOTO TRA CONTINUITA’ E INCOGNITE – GUIDO PICCOLI

Domenica si vota. La novità non è questa. In Colombia si è sempre rispettata la forma, anche quella della democrazia:

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment