INDIA: ATTACCO NAXALITA

Sarebbero una cinquantina le vittime dell’attentato che ieri è stato realizzato nello Stato indiano del Chhattisgarh, teatro del conflitto tra il Governo indiano e le popolazioni native “adivasi” facenti parte dei “naxaliti” movimento  di ispirazione maoista. Le agenzie di stampa hanno diffuso la notizia che ieri alle 16 ora locale, al passaggio di un autobus  con più di cinquanta passeggeri a bordo è stata fatta esplodere una bomba posta sotto il veicolo che  stato distrutto. Tra i passeggeri secondo fonti governative vi sarebbero 15 membri delle forze speciali di polizia (SPO) che fanno parte delle migliaia di militari e poliziotti inviati nello stato Chhattisgarh per sedare la rivolta del movimento naxalita.  Il governo indiano ha messo in atto una politica di terra bruciata, a partire dalla primavera dello scorso anno, nelle aree dove è presente il movimento naxalita attraverso l’operazione denominata “caccia verde” che viene supportata dalle milizie paramilitari Salwa Judum. Decine le vittime e le espulsioni forzate che hanno provocato l’esodo di 300.000 persone. L’attentato di ieri è stato effettuato poche settimane dopo un’altra azione contro un distaccamento di polizia sempre nel distretto di Dantewada. In quell’occasione morirono 76 poliziotti.


Related Articles

Turchia: fosse comuni nella regione kurda

 

 

Newala Kasaba, due parole che il popolo kurdo ha in testa come se fossero state scolpite nella loro mente. E in effetti è così. Newala Kasaba concentra in sé la maggior parte di ciò che è stata la guerra sporca contro il popolo kurdo. Newala Kasaba è un ampio campo collinare, alla periferia immediata di Siirt. Potrebbe essere una discarica. E infatti si possono trovare immondizie. Ma basta camminare a piedi per pochi metri per capire che questa terra nasconde qualcosa di più raccapricciante e orribile. Come sacchi della spazzatura, stanno venendo a galla, però non contengono spazzatura. Pezzi di vestiti rivelano ciò che è veramente nascosto sotto questi campi. La gente di Siirt conosce da molto tempo quale verità è stata sepolta qui per essere occultata ancora una volta, nelle intenzioni di coloro che commisero l’orrendo crimine di rapire gente, torturarla, ucciderla e infine scaricare e seppellire i loro corpi come fossero spazzatura. Newala Kasaba è un enorme cimitero, un cimitero dove sono stati sepolti gli orrori della guerra dello Stato turco contro i kurdi. Ma la verità non può essere sepolta per sempre. E infatti coloro che sono stati sepolti stanno lottando per uscire, per ricordare a tutti gli orribili, crudeli crimini commessi dallo stato turc
Si dice che più di 100 corpi sono sepolti a Newala Kasaba. Alcuni dicono che potrebbero essere anche 200. Tra questi si dice sia qui anche uno dei fondatori del PKK (Kurdistan Workers Party), Mahsun Korkmaz.

Irish Republican Marian Price arrested

Veteran republican Marian Price has been arrested by the PSNI. She was arrested in west Belfast today and taken to

The Black Carriage of the Dersim Massacre

The Black Carriage of the Dersim Massacre Ozgur Findik tells the story of the “Black Carriage” in Dersim 38 Everyone

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment