BOLIVIA: PENSIONI A 58 ANNI

Nonostante i problemi sociali presenti nel paese il Governo boliviano ha attuato un serie di misure economiche e sociali che lentamente cercano di migliore le condizioni di vita di uno dei paesi più poveri dell’America Latina. Lo sciopero generale ad oltranza indetto dalla potente organizzazione sindacale COB è fallito. Tra i motivi dello sciopero sono gli aumenti salariali e la riforma delle pensioni: la scarsa adesione alle manifestazioni e all’astensione dal lavoro si deve sia al considerevole consenso che ancora gode il governi di Evo Morales sia per l’inizio di una dialogo tra Governo e COB che è stato vissuto come contradditorio da molti lavoratori rispetto ad un azione cosi radicale come lo sciopero generale ad oltranza. Il Ministro de Hacienda boliviano, Luis Arce ha annunciato al termine dei primi incontri Governo COB, che la nuova legge sulle pensioni permetterà di andare in pensione a partire dai 58 anni rispetto ai 65 che prevedeva la legge del 1996. Arce ha anche aggiunto che i minatori avranno un riconoscimento extra potendo andare in pensione a 56 anni e quelli che hanno lavorato almeno 10 anni all’interno delle miniere potranno andare a 51 anni. E’stato anche creato un fondo di solidarietà per incrementare le pensioni (circa 130 dollari) che porterebbe le pensioni a 300 dollari.


Related Articles

LA BATALLA DEL RELATO Iñaki Egaña

              Nuevamente nos encontramos en un escenario envenenado por su parcelación. Como si la

Francia en guerra: breves apuntes desde la perspectiva del derecho internacional

El pasado 16 de noviembre las máximas autoridades francesas declararon que Francia se encuentra en guerra

ZUTIK EUSKAL HERRIA

Zutik Euskal Herria La Izquierda Abertzale ha analizado la actual coyuntura y el proceso político vasco, y ha debatido sobre

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment