BELGIO CONFERMA ARRESTI KURDI

Il tribunale belga ha confermato gli arresti di otto politici kurdi fermati durante il raid del 4 marzo scorso contro RojTv e diverse altre abitazioni e uffici. Restano dunque in carcere anche l’ex deputato Remzi Kartal e Zubeir Aydar. Oggi intanto a Strasburgo, al parlamento europeo ci sarà una conferenza stampa convocata da alcuni eurodeputati, Jose BOVÉ (Greens-EFA, France), Jürgen KLÜTE (GUE/NGL, Germany), Baroness Sarah LUDFORD (ALDE, UK) e François ALFONSI (Greens-EFA, France).


Related Articles

SINISTRA INDIPENDENTISTA: AUTODETERMINAZIONE, POLITICA PACIFICA E DEMOCRATICA. MADRID ED ETA, DIALOGATE.

Dopo il pronunciamento di 20 personalità internazionali a favore del dialogo per la soluzione del conflitto basco spagnolo, la sinistra

Well done File

I want to commend The Patrick O’Connell Memorial Fund Group which comprises soccer fans from Ireland, Scotland, England and Spain

BIN LADEN IL FRANKENSTEIN CREATO DALLA CIA – Enrico Piovesana

Peacereporter. Figlio di un magnate delle costruzioni di origine yemenita (Mohammed Awad Bin Laden) e di una donna di origine siriana, Osama nasce il 10 marzo 1957 a Riyadh, capitale dell’Arabia Saudita. All’età di 13 anni perde il padre. A 17 si sposa con la prima delle tre mogli, una ragazza siriana, sua parente. Il matrimonio a una così giovane età fa parte – per il suo carattere di protezione dalla corruzione e dall’immoralità – della rigida educazione religiosa che gli viene impartita. Compie tutti i suoi studi nelle scuole della città di Gedda, fino a conseguire la laurea in Management ed Economia all’università Re Abdul Aziz.

In questo periodo si accosta al movimento della “Fratellanza musulmana” e, negli anni che seguono, inizia a stringere sempre più stretti contatti con numerosi gruppi di integralisti islamici. Oltre che ad accumulare una discreta fortuna occupandosi della gestione dell’impresa paterna. Abbandonerà tale attività nel 1979 quando, a seguito dell’invasione dell’Afghanistan da parte di truppe sovietiche, si dedicherà ad aiutare i fratelli musulmani contro i “senzadio” comunisti. Inizia infatti ad investire le proprie ricchezze per reclutare volontari, e, in seguito, per addestrarli e per fornirgli le armi necessarie per combattere al fianco dei mujaheddin afgani. Crea così il gruppo del “Fronte di salvezza islamico”, potendo tra l’altro contare, oltre che sui propri fondi, anche sull’aiuto economico proveniente dagli Stati Uniti e sul appoggio della Cia (vedi sotto “Blowback”).

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment