Trattare con i talebani moderati unica via per uscire dal pantano afghano

Se la conferenza dell’Aia aveva cominciato a ipotizzare un dialogo con la parte più moderata dei taleban, quella di Londra si è aperta con questa consapevolezza: o si riesce ad avviare un dialogo o la guerra rischia di essere infinita. L’inviato di Obama, Richard Holbrooke, ha presentato il piano Usa. Due le fasi: reintegrare e riconciliare. Prima dunque si avvierà la fase di reintegro nella società afghana i taliban disposti a deporre le armi e successivamente quella della riconciliazione dei ribelli con il governo del presidente Karzai. Il consiglio del comando dei taliban in un messaggio ha lasciato intendere di non essere particolarmente interessato all’appuntamento: “Ci sono state conferenze in passato – scrivono i taliban – ma nessuna ha risolto i problemi dell’Afghanistan. Sarà lo stesso con la conferenza di Londra”.

Secondo Karzai l’occidente dovrà rimanere in Afghanistan per i prossimi quindici anni, perché per addestrare e equipaggiare le forze di sicurezza afghane sono necessari tra i cinque e i dieci anni, mentre dal punto di vista economico, il paese non sarà in grado di provvedere a se stesso per almeno una quindicina di anni.

La proposta di Kabul prevede un pacchetto di proposte che riguardano tre settori: lavoro, istruzioni e terre e pensioni. Beneficiari di queste iniziative saranno le comunità, i villaggi o gruppi di villaggi dove gli abitanti scelgono di deporre le armi. Da parte sua Karzai si è detto convinto di persuadere i taliban che non hanno legami con al-qaida a deporre le armi, nel rispetto della costituzione. Che dovrà essere anche il framework di riferimento della seconda fase, quella della riconciliazione.

Nel suo intervento il primo ministro inglese Gordon Brown ha invece sottolineato che il trasferimento alle autorità di Kabul della responsabilità della sicurezza inizierà nel 2010. Per Brown la conferenza londinese ha segnato l’inizio di un processo di transizione. Quanto a un possibile dialogo con i taliban moderati, Brown si è detto d’accordo. “Ma quelli che non rinunceranno alla violenza – ha detto – dovranno essere cacciati con la forza. Li batteremo non soltanto sui campi di battaglia ma anche nei cuori e nello spirito”.

 

LONDON AFGHANISTAN CONFERENCE

http://afghanistan.hmg.gov.uk/en/conference/


Related Articles

IL COLLETTIVO PRIGIONIERI E PRIGIONIERE POLITICI BASCHI APPOGGIA ACCORDO DI GERNIKA

Dopo che in nei giorni scorsi esponenti delle forze politiche sociali e sindacali basche avevano chiesto, invano, al Governo di

Demirta?: AKP does not want peace

Peace and Demecracy Party (BDP) co-chair Selahattin Demirta? held a press conference in the party’s Amed office to speak about the so-called “democratisation package”, the democratic solution process and the rumors in the Turkish press about his possible resignation.

Demirta? said that by announcing the “democratisation package”, the Prime Minister has confirmed that there is no solution and dialogue process in his agenda. The package has nothing to do with the process and the government has basically ended the process in search of a democratic and peaceful solution to the Kurdish question.

BDP co-chair underlined that “It is a coward act for the government not to stand behind the process it initiated”, reminding that Erdo?an strongly rejected those saying the package was associated with the negotiation process.

Un balance provisional a seis meses del reinicio de relaciones Cuba- Estados Unidos

Los resultados prácticos del proceso de normalización entre los EE-UU y Cuba pueden parecer escasos a seis meses de su reinicio oficial pero no se pueden esperar avances rápidos tras más de cinco décadas y media de desencuentros

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment