COLOMBIA: URIBE FINE MANDATO

La Corte Costituzionale della Colombia ha respinto la richiesta del presidente Alvaro Uribe di promuovere un referendum sulla riforma della Costuzione che gli permetterebbe poter prolungare il mandato presidenziale per gli anni a venire.  Un decisione storica quella della Corte Costituzionale che segna l’inizio della campagna elettorale dove il i partiti “uribisti dovranno trovare un sostituto al loro “leader”. Uribe ha goduto in questi otto anni di mandato un controverso ampio consenso dovuta alla sua politica di “sicurezza democratica” basata sul pretesto della lotta senza quartiere alla guerriglia colombiana. In realtà la situazione economica cresciuta con la crisi finanziaria mondiale e soprattutto la violazione sistematica dei diritti umani sono state e caratteristiche reali dei suoi 8 anni di governo. Il 30% dei deputati presenti nel parlamento colombiano sono stati inquisiti per rapporti con i paramilitari e lo scandalo dei “falsi positivi” danno la misura del significato della politica di “sicurezza nazionale” adottata da Uribe. Inoltre la sua politica di alleanza con gli Stati Uniti, ha firmato un accordo con l’amministrazione Obama per la presenza di otto basi militari nel paese, è stato il contrappeso utilizzato dal gigante del nord per contrastare i governi progressisti di Venezuela, Ecuador e Bolivia. Il Polo Democratico Alternativo, la principale forza di opposizione istituzionale colombiana ha detto che la sentenza della Corte Costituzionale “ha salvato la democrazia, o stato sociale di diritto e le liberta democratiche”


Related Articles

ENTREVISTA DESDE PRISIÓN

Pubblichiamo l’intervista uscita su Gara a Arnaldo Otegi.

«El tiempo corre a nuestro favor, seguir acumulando fuerzas es lo importante»

Arnaldo OTEGI I
Fermin MUNARRIZ I

Desde la última entrevista concedida por Otegi han pasado muchas cosas en Euskal Herria hasta llegar al vuelco del 22-M. Sin embargo, el escenario sigue sin normalizarse, y la mejor prueba es que en ocho días se sentará de nuevo en el banquillo de la Audiencia Nacional junto a siete compañeros. Otegi remarca que la nueva estrategia de la izquierda abertzale ha sintonizado con el pueblo y está logrando grandes avances, pero aboga por «seguir sumando fuerzas, en términos tácticos y estratégicos».

Hace apenas un mes el mapa institucional vasco experimentó un gran vuelco tras la irrupción de Bildu como fuerza legal. Sin embargo, en sólo ocho días la Audiencia Nacional española juzgará la apuesta política de la izquierda abertzale sentando en el banquillo a ocho personas por el «caso Bateragune», entre ellas Arnaldo Otegi. Una situación aparentemente contradictoria que hace más relevante aún la opinión de Otegi, aunque sea a través de las limitaciones impuestas por las circunstancias de la prisión -donde lleva casi dos años-. El cuestionario remitido por GARA comienza precisamente por el análisis de la situación actual y del resultado del 22-M, y llega hasta el juicio que empezará el 27 de junio, pero las respuestas suponen sobre todo una mirada de largo alcance sobre el proceso vasco.

PRE-SOS – Iñaki Egaña

        Hace unos pocos años suspiré en las antiguas mazmorras de Ezkaba, llenas de moho y humedad,

LA NATO FUGGE DALLA PROPRIA MISSIONE – Thierry Meyssan

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Reseau Voltaire. Dopo 150 giorni di bombardamenti, la NATO ha raso al suolo numerose infrastrutture, ma non ha ancora ottenuto un risultato effettivo. Questo insuccesso è imputabile all’assenza di una riflessione strategica preliminare. La NATO ha creduto di poter applicare in Libia il metodo classico che aveva concepito per altri scenari naturali. Si trova smarrita di fronte a un caso particolare. La più grande alleanza militare della Storia, che era stata formata per affrontare l’URSS e che poi aveva sognato di diventare il gendarme del pianeta, non ha azzeccato la sua riconversione.

Una vittoria o una disfatta militare si giudicano dagli obbiettivi di guerra che si erano prefissati. Nel caso dell’intervento della NATO in Libia, c’era un mandato delle Nazioni Unite, la protezione dei civili, e un scopo, allo stesso modo ufficiale ma fuori dal mandato, quello di cambiare il regime politico il paese. 

Dopo quasi 150 giorni di guerra, la NATO non è riuscita a scuotere le istituzioni libiche. Tenuto conto della sproporzione delle forze, bisogna ammettere l’insuccesso militare e farsi delle domande sulla strategia adottata.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment