Molto oltre le elezioni municipali e provinciali

Molto oltre le elezioni municipali e provinciali

Il movimento della sinistra indipendentista è molto profondo. Pretende alterare i parametri del conflitto e portare i confronto su vie esclusivamente democratiche.

Inaki Iriondo

Presentare il dibattito che sta per concludere la sinistra indipendentista come un risposta a presunte urgenze elettorali, è un esercizio di cinismo tattico da parte di Alfredo Perez Rubalcaba (Ministro degli Interni spagnolo) e di tatticismo cinico nel caso di Antonio Basagoiti (presidente del PP basco). Il ministro degli Interni sa di prima mano che se la sinistra indipendentista avesse dato priorità al suo interesse di stare nelle urne per la necessita di avanzare verso un quadro politico con nuove regole del gioco, democratiche, aveva nelle sue mani nel 2007 l’opportunità di farlo. Rubalcaba sa che questo non è l’obiettivo, però gli conviene centrare su questo l’attenzione. In quanto a Basagoiti, è cosciente che se le elezioni si avranno in condizioni democratiche le sue aspirazioni verranno seriamente ridimensionate e cerca premere sul Governo spagnolo affinché non lo consenta. Tutti sanno che la sinistra indipendentista aspira non solo a misurarsi nelle urne per ottenere i migliori risultati possibili,  ma che  la sua sopravvivenza non dipende da questo. Altrimenti, ripassate gli auspici del 2003 sulla imminente scomparsa di Batasuna, senza rappresentazione municipale e provinciale e senza le conseguenti sovvenzioni e verificate  la realtà attuale.

Il movimento della sinistra indipendentista è molto più profondo.La sua pretensione è di alterare i parametri attuali del conflitto, nei quali considera che lo Stato si trova perfettamente comodo, e portarlo ad un nuovo stadio dove il confronto si sviluppi unicamente ed esclusivamente per vie democratiche. E la sua base sta concludendo il dibattito sulle formule più adeguate da mettere in pratica

In questo contesto si inscrive l’ultimo comunicato d ETA. E soprattutto degno di nota che una organizzazione che storicamente ha difeso la sua condizione di avanguardia scriva adesso che “la sinistra indipendentista, che è il motore della lotta di questo popolo, ha parlato ed ETA fa sue queste parole.”. Non era questo il momento per attendersi annunci di tregue o fine della lotta armata che, è certo, come si dice nel comunicato, di per sé non comportano senza altro ancora, che ci sia un processo democratico. Essenziale è osservare che l’interesse per creare dissidenze o scissioni non ha dato frutti e, per tanto, le conclusioni che la sinistra indipendentista ottenga dal suo dibattito interno – che sarà reso noto tra alcune settimane-, dovranno essere quelle che indicheranno il cammino futuro sotto la direzione che sta tracciando la base sociale di Batasuna.

 

http://www.gara.net/paperezkoa/20100119/177924/es/Mucho-mas-alla-elecciones-municipales-forales


Related Articles

VALSUSA, UN ALTRO GIORNO DI SCUOLA

 

NoTavInfo. La giornata appena trascorsa porta con sè le due facce della medaglia della situazione che stiamo vivendo: da un lato la ricchezza, l’unità, la solidarietà del movimento notav e dall’altra l’arroganza di un potere sempre più in difficoltà che sa rispondere a un popolo che difende il suo territorio solo con idranti, lacrimogeni e manganelli.

La giornata inziata con uan gita al Rocciamelone, la cui vetta allieta sempre i nostri sguardi ricordandoci la potenza della montagna, ha avuto due grandi appuntamenti che si sono dimostrati unici: alle 16 il raduno degli alpini notav, che in oltre trecento si sono ritrovati davanti al cancello della centrale per manifestare contro la presenza degli alpini all’interno del non-cantiere di Chiomonte. L’orgoglio di un popolo di montagna, che ha sempre inteso il cappello con la penna come una missione di defa del territorio e della popolazione, non per la guerra e per difendere con il proprio operato, la militarizzazione della Valsusa. Un comunicato syampa dell’ANA , diffidava gli alpini a prtecipare al raduno, in barba agli ordini, gli alpini, ribelli e notav, non solo si sono radunati, ma hanno percorso il sentiero che dalla centrale va alla Maddalena, fermandosi poi anche successivamente.

LA CLASSE LAVORATRICE PROTAGONISTA DEL CAMBIAMENTO

Talkingpeace intervista Ainhoa Etxaide, segretaria generale del sindacato basco LAB.. Il sindacato LAB nasce verso la metà degli anni settanta,

ROJAVA RESISTANCE: DAY 11 – LIVE BLOG

20:10 Kurdish Red Crescent (Heyva Sor), Syrian Red Crescent and International Red Cross have finally managed to enter the city of

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment