Guler Zere rischia di morire in carcere

Guler Zere rischia di morire in carcere

  Guler Zere ha 37 anni, sta scontando una condanna a 14 anni per essere membro di una organizzazione della sinistra turca.  Quando era rinchiusa nel carcere di Elbistan le è stato diagnosticato un tumore alla bocca e al collo. Oggi Guler ha urgente e costante necessità di ricevere cure adeguate per la sua malattia. Nei giorni scorsi, grazie anche alla pressione dell’opinione pubblica turca e delle associazioni umanitarie, Guler è stata trasportata all’ospedale di Adana, nel reparto per detenuti. Ma ieri ha chiesto di essere riportata in carcere perchè le condizioni igieniche e sanitarie del reparto sono peggiori di quelle della prigione.  L’avvocata della giovane, Oya Aslan, ha confermato che per Guler era più rischioso stare in ospedale. Ma la legale sottolinea anche che la sua cliente ha bisogno di terapie quotidiane e il carcere si trova a un’ora e mezza dall’ospedale. La mamma della giovane per giorni in segno di protesta è rimasta seduta davanti all’ingresso dell’ospedale. Un rapporto medico conferma che la vita di Guler è a rischio e che il successo delle cure dipende molto dalla sua volontà di combattere e dall’assistenza dei suoi familiari. Ma Guler poteva ricevere una sola visita alla settimana e per appena 15 minuti.  
L’associazione diritti umani sottolinea che dall’inizio dell’anno sono morti sei detenuti con probemi di salute. E ribadisce che il trattamento riservato ai prigionieri malati non è per tutti uguale. Infatti alcuni detenuti nel processo Ergenekon, la gladio turca, sono stati rilasciati per problemi di salute. Mentre per i prigionieri politici questa possibilità non esiste.
Maggiori informazioni sul caso di Guler Zere si possono trovare su http://www.gulerzere.net/


Related Articles

Resistance in Sur: Workers find body during excavation work

A body believed to belong to a person killed by the Turkish state during the autonomous-government resistance in 2015 was found in the borough of Sur, in Amed.

Speaking to Welat Newspaper on condition of anonymity an employee of a company working in Sur said that they found a “body wrapped in a white cloth” during the excavations carried out on 5 February in the area between the Catholic Church and Hasırlı Mosque.

Turkey: Syrians illegally deported into war before ‘safe zone’ is created

Amnesty International claims Turkey spent the months leading up to its military incursion into northeast Syria forcibly deporting refugees to

USA: ARRESTATI PACIFISTI

Sette persone sono state arrestate ieri durante una manifestazione, di fronte alla casa Bianca, contro la guerra in Iraq, nella

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment