Continuano i preparativi per il social forum

Continuano i preparativi per il primo incontro internazionale del Mesopotamian Social Forum, che si terrà a Diyarbakir tra il 28 e il 30 settembre.

Sulla scia dei modelli di Social Forum nati in Europa a partire dal 2001, e parallelamente a quello Turco, creato nel giugno 2005, il Mesopotamian Social Forum è stato costituito nel dicembre 2008 da decine e decine di associazioni e rappresentanti della società civile e della classe politica e sindacale risiedenti nell’area geografica mesopotamica. Sebbene gran parte dei membri del Mesopotamian Social Forum siano infatti impegnati nel movimento curdo di Turchia, il loro obiettivo dichiarato è non fermarsi unicamente a questioni di rivendicazione etnica o nazionale, ma agire piuttosto per la costruzione di un processo di pace, solidarietà e rispetto tra i diversi popoli (Arabi, Armeni, Curdi, Turchi, …) risiedenti nell’area geografica mesopotamica, oggi divisa tra quattro stati nazionali (Turchia, Iran, Iraq e Siria).

L’incontro di fine settembre sarà un’occasione estremamente importante di dialogo e visibilità per le diverse componenti dell’articolato movimento sociale regionale (specialmente in Turchia), che avranno la possibilità di partecipare e assistere a numerose conferenze, seminari e workshop su tematiche di particolare rilevanza per il futuro politico della regione (ecologia, migrazioni, diritti delle donne, petrolio e geopolitica, guerra e antimilitarismo, movimenti LGBT, etc…).

L’importanza dell’evento è stata del resto sottolineata dalla scelta del comitato direttivo del Social Forum Europeo (la cui prossima edizione si terrà nel settembre 2010 a Istanbul) di tenere l’assemblea preparatoria trimestrale del Social Forum Europeo a Diyarbakir tra il 25 e il 27 settembre, facilitando così la partecipazione di numerosi delegati internazionali al Social Forum Mesopotamico.

La portata internazionale delle giornate di Diyarbakir di fine settembre sarà oltretutto assicurata dalla attiva partecipazione di numerosi attivisti europei, i quali si stanno occupando ormai da mesi dell’organizzazione di un campeggio (International Amed Camp) a Diyarbakir tra il 25 e il 30 settembre in prossimità degli spazi del Forum, allo scopo di creare una situazione che favorisca al massimo la convivialità e la condivisione di esperienze e progetti tra attivisti locali e attivisti internazionali.

Per ulteriori informazioni:

http://international-amed-camp.org

Nella sezione Media/Documenti del sito, è possibile trovare le traduzioni italiane dei documenti ufficiali del Mesopotamian Social Forum e dell’International Amed Camp


Related Articles

PROCESSO DEMOCRATICO NELLA RISOLUZIONE DEL CONFLITTO

Dichiarazione sottoscritta dai partecipanti alla Conferenza Internazionale “Processi democratici di soluzione dei conflitti: riconoscimento dell’ interlocuzione e ambito di decisione. Contributo allo sviluppo dello scenario democratico: esperienze di democrazia partecipativa”. Venezia 11 e 12 febbraio 2011

Nella città di Venezia si sono svolti una serie di incontri per discutere della risoluzione democratica dei conflitti.

A queste discussioni hanno partecipato rappresentanti del Sinn Fein (Irlanda), Sinistra Abertzale (Paese Basco), BDP (partito della Pace e della democrazia, Kurdistan turco) e rappresentanti istituzionali da Irlanda, Paese Basco e Kurdistan turco.

I partecipanti hanno raggiunto le seguenti conclusioni generali:

a. Quando esiste in un paese un conflitto radicato di natura politica, la sua soluzione può essere soltanto politica nel pieno rispetto dei diritti umani.

LA CRISI DELLA CRESCITA – Alberto Filippi

            Cosa si direbbe di un medico che curasse un grande  obeso con l’alimentazione forzata?

FROM PRISON/Free Guler Zere

Guler Zere is 37 years old. She has been sentenced to 14 years in prison for membership of a turkish

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment